Jeanne Moreau se n’è andata: l’attrice è morta stamattina a 89 anni. Da Jules et Jim di Truffaut a Il processo di Orson Welles, da Ascensore per il patibolo di Malle a Fino alla fine del mondo di Wenders, Jeanne Moreau è stata un’icona del cinema francese, un simbolo della Nouvelle Vague, un’attrice unica, per la sua bellezza inconsueta e anche per la sua indimenticabile voce, roca e affascinante, spesso nei panni di donne indipendenti ed emancipate in più di cento film.

Jeanne Moreau in Jules et Jim

È proprio l’incontro con Louis Malle a cambiare la vita dell’attrice: il regista la sceglie per Ascensore per il patibolo (1957) e Les amants (1958). Subito dopo lavora con Antonioni in La notte (1960). Ma è il personaggio di Catherine, la ribelle dei sentimenti di Jules et Jim (1961) di François Truffaut, vertice di un triangolo d’amore e amicizia, a farla diventare definitivamente un’icona del cinema. È protagonista anche per Buñuel di Il diario di una cameriera (1963) e ancora con Truffaut in La sposa in nero (1968).

Nel 1975 esordisce come regista in Lumière – Scene di un’amicizia tra donne (1975) e nel 1978 firma la sua opera seconda, L’adolescente (1978). Negli anni ’80 e ’90 rimane attiva in ruoli minori, come quello in Querelle de Brest (1982) di Fassbinder, Nikita (1990) di Luc Besson, Fino alla fine del mondo (1991) di Wenders.

Hai letto questo?  L'ABBIAMO FATTA GROSSA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here