Cinema: Ultime novità su Ciak
19/04/2016

DAVID DI DONATELLO 2016: “PERFETTI SCONOSCIUTI”, “LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT” E TUTTI I VINCITORI


“Scusatemi faccio commedia, non sono abituato a vincere premi”: Paolo Genovese stringe il David di Donatello al miglior film per Perfetti sconosciuti e sembra voler riscattare da quel palco tutto un genere. Ed ha ragione: era dal 2000 con Pane e tulipani di Silvio Soldini che una commedia, seppur dal sapore molto diverso da quella di Genovese, non vinceva ai David. Grazie al bellissimo film di Genovese, attuale per tema (la seconda vita segreta che i telefoni cellulari offrono a ognuno di noi, raccontata da una sceneggiatura perfetta premiata anch’essa col David) e interpretato dal migliore cast corale della stagione (Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Anna Foglietta, Kasia Smutniak, Alba Rohrwacher, Edoardo Leo e Giuseppe Battiston), pubblico e critica sembrano aver fatto pace come non succedeva dai tempi della grande commedia all’italiana.

Il grande trionfatore di questi David, però, è Lo chiamavano Jeeg Robot, strepitoso esordio di Gabriele Mainetti che pure riabilita una fetta di cinema che pareva dimenticata: il cinema di genere, in questo caso il fantasy con supereroe residente a Tor Bella Monaca. Insieme a Il racconto dei racconti, Lo chiamavano Jeeg Robot è il titolo più premiato: 7 David di Donatello tra i quali quello al miglior regista esordiente, miglior produttore e tutte e quattro le categorie degli attori, protagonisti Claudio Santamaria, coraggioso in uno dei personaggi più sinceri e bizzarri della stagione, e Ilenia Pastorelli (la vera outsider della serata: lei, ex grande Fratello e al suo primo film, ha sbaragliato attrici dal palmarès già affollato come Valeria Golino e Juliette Binoche), non protagonisti Antonia Truppo e l’eccezionale Luca Marinelli, certamente il volto più interessante della nuova generazione di attori italiani.

Hai letto questo?  CIAK BIZARRO! "THE HATEFUL EIGHT"

7 premi li ha vinti anche Il racconto dei racconti: Matteo Garrone meritato miglior regista e poi praticamente tutte le categorie tecniche che hanno contribuito a fare del suo fantasy medievale un’esperienza visiva indimenticabile. A Youth – La giovinezza di Paolo Sorrentino rimangono la canzone originale (Simple Song #3) e la colonna sonora di David Lang, melodie affascinanti ma affatto scontate. Una cosa ha segnato questi David di Donatello è l’incredulità sul volto di tanti premiati, da Genovese a Santamaria, dalla Truppo alla Pastorelli. Quello sguardo per un attimo disorientato di chi non se l’aspetta davvero. E invece, forse, il cinema italiano ha davvero voglia di cambiare, come dimostra la rivincita di un bell’anno di film finalmente poco convenzionali.

Elisa Grando

GUARDA LA GALLERY DEI VINCITORI (la lista completa dei premi è subito sotto)

LA LISTA COMPLETA DEI DAVID DI DONATELLO 2016!

MIGLIOR FILM

Perfetti sconosciuti prodotto da Medusa Film per la regia di Paolo GENOVESE

MIGLIORE REGISTA

Il racconto dei racconti – Tale of Tales  < Matteo GARRONE

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE

Lo chiamavano Jeeg Robot < Gabriele MAINETTI

MIGLIORE SCENEGGIATURA

Perfetti sconosciuti < Filippo BOLOGNA, Paolo COSTELLA, Paolo GENOVESE, Paola MAMMINI, Rolando RAVELLO

MIGLIORE PRODUTTORE

Lo chiamavano Jeeg Robot < Gabriele MAINETTI per Goon Films, Rai Cinema

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA

Lo chiamavano Jeeg Robot < Ilenia PASTORELLI

Hai letto questo?  SORRENTINO A RADIO2: FICTION, UN PO’ DI CALCIO, IL NUOVO FILM E… CANNES

MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA

Lo chiamavano Jeeg Robot < Claudio SANTAMARIA

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

Lo chiamavano Jeeg Robot < Antonia TRUPPO

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA

Lo chiamavano Jeeg Robot < Luca MARINELLI

MIGLIORE AUTORE DELLA FOTOGRAFIA

Il racconto dei racconti – Tale of Tales < Peter SUSCHITZKY

MIGLIORE MUSICISTA

Youth – La giovinezza < David LANG

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE

Youth – La giovinezza <  “SIMPLE SONG #3” musica e testi di David LANG interpretata da Sumi JO

MIGLIORE SCENOGRAFO

Il racconto dei racconti – Tale of Tales < Dimitri CAPUANI, Alessia ANFUSO

MIGLIORE COSTUMISTA

Il racconto dei racconti – Tale of Tales < Massimo CANTINI PARRINI

MIGLIORE TRUCCATORE

Il racconto dei racconti – Tale of Tales < Gino TAMAGNINI, Valter CASOTTO, Luigi D’ANDREA, Leonardo CRUCIANO

MIGLIORE ACCONCIATORE

Il racconto dei racconti – Tale of Tales  < Francesco PEGORETTI

MIGLIORE MONTATORE

Lo chiamavano Jeeg Robot  <  Andrea MAGUOLO con la collaborazione di Federico CONFORTI

MIGLIOR FONICO DI PRESA DIRETTA

Non essere cattivo  < Angelo BONANNI

MIGLIORI EFFETTI DIGITALI

Il racconto dei racconti – Tale of Tales < Makinarium

MIGLIOR DOCUMENTARIO DI LUNGOMETRAGGIO

S IS FOR STANLEY   < di Alex INFASCELLI

MIGLIOR FILM DELL’UNIONE EUROPEA

IL FIGLIO DI SAUL  <  di Laszlo NEMES (Teodora Film)

MIGLIOR FILM STRANIERO

IL PONTE DELLE SPIE < di Steven SPIELBERG (20th Century Fox )

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

BELLISSIMA <  di Alessandro Capitani

DAVID GIOVANI

LA CORRISPONDENZA < di Giuseppe Tornatore

Produzione riservata
Commenti