Tim Vision
09/11/2017

“Fai bei sogni”: l’ultimo capolavoro di Marco Bellocchio è su TIMVISION

“Fai bei sogni”: l’ultimo capolavoro di Marco Bellocchio è su TIMVISION

Applauditissimo a Cannes, vincitore di due Nastri d’Argento, Fai bei sogni di Marco Bellocchio, racconta il dramma di un uomo segnato da bambino dalla misteriosa morte della madre. Non perdetelo su TIMVISION dal 10 novembre: ecco la nostra recensione!

Il voto di Ciak !

La perdita della madre, il padre come figura autoritaria, i difficili rapporti con la famiglia, la sofferenza psichica, la grande casa dell’infanzia ormai vuota, la sua personale visione della Chiesa, i salti nel vuoto, la morte. Tutti i grandi temi del cinema di Marco Bellocchio si ritrovano nel suo ultimo film, Fai bei sogni, tratto dal best seller autobiografico di Massimo Gramellini e presentato in apertura dell’ultima Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, dove il pubblico, emozionato, al termine della proiezione gli ha tributato un applauso di dieci minuti.

Guarda Fai bei sogni su TIMVISION! >> QUI

Viaggiando avanti e indietro nel tempo, il film racconta del quarantenne Massimo (Valerio Mastandrea), ancora incapace di elaborare il grande luttuoso mistero della propria infanzia, il vuoto lasciato da una madre tenera, giovane e bellissima (Barbara Rochi), ma spesso infantile, improvvisamente malinconica, inspiegabilmente assente, uscita di scena inaspettatamente la mattina del 31 dicembre 1969 per un fulminante attacco cardiaco. O almeno così dicono a quel bambino di nove anni (interpretato da Nicolò Cabras e poi, in età adolescenziale, da Dario Dal Pero) che comincia a idealizzare la figura materna, la più importante della sua vita, al punto da non riuscire a stabilire relazioni sentimentali solide una volta adulto. Ma i dubbi mai sopiti tornano in superficie e, complice anche l’incontro con Elisa (Bérénice Bejo), Massimo scoprirà la verità su quella terribile notte.

Hai letto questo?  Laura Chiatti, Riccardo Scamarcio e l'amore in dolce attesa: "La cena di Natale" è ora su TIMVISION

«Il film mi è stato proposto dalla produzione», dice Bellocchio, «ma l’ho realizzato in piena libertà e ho intravisto in questa storia qualcosa che mi apparteneva profondamente. La maturità professionale ti consente di scoprire temi che senti vicini anche in storie apparentemente lontane. E nel romanzo ho trovato una tragedia umana che mi ha molto coinvolto, il dolore di Massimo che perde la mamma adorata a nove anni, la sua ribellione a questo dramma ingiusto. Poi, con il passar del tempo, sopraggiunge l’adattamento per sopravvivere a una perdita incomprensibile. E poi sullo sfondo dell’evoluzione del protagonista c’è la storia dell’Italia e della televisione di quegli anni».

Guarda Fai bei sogni su TIMVISION >> QUI!

Produzione riservata
Commenti