"SEX AND THE CITY", 18 ANNI DOPO: CARRIE E L'AMERICA PRIMA DELLA CRISI

Il 6 giugno 1998 andava in onda negli Stati Uniti la prima puntata della serie tv che ha reinventato l'emancipazione femminile su tacco 12

Sembra ieri che accendevamo la tv e scoprivamo che si poteva essere paladine del girl power anche dall'alto di un sandalo Jimmy Choo tacco 12. E non solo: che si poteva sdoganare in tv quello che tutte le donne fanno, cioè parlare di sesso con le amiche, dettaglio più, dettaglio meno. Invece sono già passati 18 anni dalla prima puntata di Sex and the City, la serie targata HBO, vincitrice di 7 Emmy e 8 Golden Globes, andata in onda negli Stati Uniti il 6 giugno 1998 (in Italia un po' dopo su Telemontecarlo, poi La7, dal 10 marzo 2000).

Per entrare in confidenza con Carrie (Sarah Jessica Parker), columnist su vicende di cuore e lenzuola, e le sue tre amiche, l'avvocatessa in carriera Miranda (Cynthia Nixon), la romantica gallerista Charlotte (Kristin Davis) e la pr pantera Samantha (Kim Kattrall), è bastato un attimo. Loro si ritrovavano intorno al tavolino di un bar alla moda di Manhattan a sorseggiare l'amato Cosmopolitan e parlare di fidanzati o conquiste della sera prima, e a noi pareva di essere il quinto convitato tanto i racconti erano intimi e spiritosi.

Tutte e quattro, a modo loro, tra una tempesta di cuore e l'altra ci hanno anche insegnato che l'outfit parla di noi, che anche una borsa di Chanel o di Dior, un vestito di Oscar De La Renta o una scarpa Laboutin (guarda la gallery in alto) sono capaci di raccontare uno stato d'animo, anche se il fidanzato di turno nemmeno si accorge che ci siamo cambiate per uscire a cena. Lo stile Sex and the City ha contagiato un'intera generazione, e non a caso tante star hanno sgomitato per farci anche solo una comparsata, da Bradley Cooper a Jon Bon Jovi, da Matthew McConaughey a Sarah Michelle Gellar.

Eppure, a rivederlo oggi sembra di guardare la favola di un mondo ormai lontano: Sex and the City è figlio dell'America ottimista che doveva ancora conoscere la grande crisi del 2006, la follia dei subprime, la gente rimasta senza casa con le poltrone accatastate in giardino. Nel 2016, forse, un altro Sex and the City non potrebbe più esserci. Ma noi siamo felici di aver palpitato, riso e pianto con Carrie, Miranda, Charlotte e Samantha per ogni sms di Mr.Big, per ogni serata piccante organizzata, per ogni abbraccio di sana "sorellanza". Per 18 anni, e per tutte le repliche a venire.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Ciak Magazine

Caratteri rimanenti: 1500

Ultime news

BERTOLUCCI RISPONDE ALLE POLEMICHE SULLA SCENA DI STUPRO DI "ULTIMO TANGO A PARIGI"

News

06/12/16

BERTOLUCCI RISPONDE ALLE POLEMICHE SULLA SCENA DI STUPRO DI "ULTIMO TANGO A PARIGI"

Dopo la rivolta delle stars di Hollywood, il regista fuga ogni fraintendimento: Maria Schneider sapeva della sequenza di sodomia, ma non del particolare del burro

CIAK INFINITY: SCARICATE QUI IL NUOVO NUMERO DI DICEMBRE

News

04/12/16

CIAK INFINITY: SCARICATE QUI IL NUOVO NUMERO DI DICEMBRE

IL NOIR IN FESTIVAL RIPARTE DA COMO E MILANO: IL PROGRAMMA DELLA NUOVA EDIZIONE

News

04/12/16

IL NOIR IN FESTIVAL RIPARTE DA COMO E MILANO: IL PROGRAMMA DELLA NUOVA EDIZIONE

Saviano, Carofiglio, Lucarelli tra gli scrittori ospiti, "Blood Father" con Mel Gibson e la nuova regia di Claudio Amendola tra i film

Recensioni