Recensioni
01/04/2017

“Il viaggio”: la recensione

“Il viaggio”: la recensione

The Journey Gran Bretagna, 2016 Regia Nick Hamm Interpreti Timothy Spall, Colm Meaney, John Hurt, Catherine McCormack Distribuzione Officine UBU Durata 1h e 34’

Al cinema dal 30 marzo 2017

IL FATTO – La storia, appena appena romanzata, del travagliato accordo del 1998 che mise fine alla Guerra nell’Irlanda del Nord (il cosiddetto Belfast Agreement). Da una parte il leader degli Unionisti Protestanti, l’arcigno e indistruttibile reverendo Ian Paisley, dall’altra uno dei capi dell’IRA, Martin McGuinness, ovvero l’esercito repubblicano. Anni di odio e ragioni contrapposte avevano costruito un muro di incomunicabilità. Ma per la pace dell’Ulster, Tony Blair, approfittando della necessità dell’ottantenne protestante di volare a casa per il cinquantenario delle nozze, li ficca entrambi in macchina sperando che dialoghino, controllati a loro insaputa da un autista agente. Durante il viaggio, il glaciale e intransigente religioso cederà alle avances politiche del sardonico “papista”?

L’OPINIONE – Peccato non sia stato in concorso all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, perché i due protagonisti, Timothy Spall e Colm Meaney (impossibile non riconoscere i loro volti: il primo era in un Harry Potter e protagonista del delizioso Turner; il secondo, oltre ad aver lavorato spesso con Frears, è stato uno dei membri di Star Trek: Deep Space Nine. Da notare anche che Spall che interpreta il vegliardo Paisley è in realtà di quattro anni più giovane del sessantatreenne Meaney!) sono da premio per la recitazione in accoppiata, del resto sono insieme per tutta la durata del film.

Hai letto questo?  WHERE TO INVADE NEXT

È un importante spezzone di Storia da noi italiani ignorata quello che il regista Nick Hamm (fattosi notare sino a oggi per telefilm e Godsend – sigh! – peraltro è di Belfast e conosce quindi molto bene quello che sta raccontando) ci fa rivivere, con l’aiuto di dialoghi gustosi, grazie alla sceneggiatura speziata ma mai sbilanciata di un altro nord-irlandese, Colin Bateman. Al resto provvedono appunto le spettacolari performances dei due mostri sacri della scena che interagiscono nel reciproco divertimento, mentre Toby Stephens è un Tony Blair una volta tanto non negativo, Freddie Highmore (cresciuto da La fabbrica di cioccolato) è l’agente driver e il magnifico John Hurt, recentemente scomparso, un diplomatico boss dei Servizi Segreti. Tra l’altro è proprio di questi giorni la notizia della morte di Martin McGuinness (questo 21 marzo, a 66 anni), che è stato dal 2007 al 2017 vicepremier nel governo (di coalizione) dell’Irlanda del Nord.

Massimo Lastrucci

Produzione riservata
Commenti