Cinema: Ultime novità su Ciak
20/04/2017

“Le cose che verranno”: Isabelle Huppert e una vita da reinventare

“Le cose che verranno”: Isabelle Huppert e una vita da reinventare

L’avenir Francia/Germania, 2016 Regia Mia Hansen-Løve Interpreti Isabelle Huppert, André Marcon, Roman Kolinka, Edith Scob Distribuzione Satine Film Durata 1h e 40’

Al cinema dal 20 aprile 2017

IL FATTO – Nathalie Chazeau è un’insegnante di filosofia, felicemente coinvolta nel suo lavoro e curatrice di una collana specializzata, insieme da 25 anni con il collega Heinz e con due figli. Unico cruccio, una madre svampita dall’età e poco gestibile. In una stagione sola perderà tutte le sue certezze: la mamma muore (e si ritrova tra l’altro un gatto, Pandora, a cui è allergica da curare), la casa editrice chiude la collana e soprattutto scopre che il marito la tradisce (“pensavo che mi avresti amata per sempre. Che cogliona!”). Come sopportare tutto ciò?

L’OPINIONE – “Non si è felici che prima di essere felici”. Anche con questa malinconica considerazione libresca, la nostra eroina cerca di resistere alle ingiurie del tempo e del destino (tra lo stoicismo e quella che adesso si chiama, con un termine già logoro, “resilienza”). Può essere la storia di tutti o quasi (quelli che hanno superato gli anta), anche se qui il solito gusto francese snob di condirla di nomi e citazioni impazza (si cita con disinvoltura il fior da fiore della filosofia, da Rosseau a Adorno, da Schopenhauer a Jankelevic); il reportage di una relazione che si è sfarinata di nascosto (lui, a differenza di lei, ex comunista e più idealista, è un borghese scettico “che non ha mai cambiato opinione da quando aveva 18 anni”).

Hai letto questo?  ALLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA CON MAZDA

Ma la pulizia rohmeriana di Mia Hansen-Love (Il padre dei miei figli, Un amore di gioventù, Eden), premiata per questo a Berlino con l’Orso d’Argento, rende il trattamento contemporaneamente profondo e delicato, proprio come le meravigliose doti artistiche di Isabelle Huppert (attrice dell’anno per il London Critics Circle Film Awards), capace di impadronirsi e arricchire ogni personaggio che affronta, vedere anche i vagamente consimili Segreti di famiglia ed Elle per convincersene.

Massimo Lastrucci

Produzione riservata
Commenti