Cinema: Ultime novità su Ciak
13/02/2017

“LEGION” E DAN STEVENS: SU FOX TV LA SERIE E L’ATTORE DESTINATI A DIVENTARE CULTO

“LEGION” E DAN STEVENS: SU FOX TV LA SERIE E L’ATTORE DESTINATI A DIVENTARE CULTO

DI PIERA DETASSIS

Stasera su Fox Tv due fenomeni in uno, il debutto della serie che diventerà culto, Legion, dallo stesso creatore del Fargo versione televisiva, e la conferma dell’irresistibile ascesa di Dan Stevens, che ancora in molti, e soprattutto in molte, piangono come Matthew Crawley, il marito di Lady Mary in Downton Abbey, troppo presto trapassato.

Sull’onda dell’inatteso successo di Split al cinema, troverà probabilmente molti fan anche questa bellissima serie il cui protagonista Legion – che nel fumetto originale è il più potente degli X-Men e figlio di Charles Xavier, il Professor X – è uno schizofrenico capace di attraversare almeno 200 identità, ognuna dotata di un potere diverso. Di tutto questo, il super-mutante  non sa niente, perché cresce in ospedali psichiatrici e parla quasi solo con la sua terapista. Niente bizzarre creature già conosciute, Wolverine (in uscita a marzo anche  lo spin off Logan) e Magneto sono lontani, in compenso nuove apparizioni bizzarre, ma soprattutto tanta fantastica inquietudine e multiple personalità, tema che pare molto più contemporaneo di un semplice uomo lupo, così antico.

Dan Stevens in Downton Abbey

Clinica e vagamente “insane”, disturbante, l’immagine che ne esce. E nei panni del compulsivo ragazzo, stracolmo di tic e nevrosi, ritroviamo Dan Stevens, anni 34, uno degli attori più “caldi” del momento. Il suo prossimo ruolo? Sarà la Bestia nella versione live di La Bella e la Bestia di Bill Condon accanto a Emma Watson, remake attesissimo per una fiaba simbolo su diversità e tolleranza, in sala il 16 marzo. Un’altra identità fantastica e al limite dell’umano. Adesso si capisce perché s’è lasciato morire a Downton Abbey, posto troppo tranquillo per la sua natura borderline.

Produzione riservata
Hai letto questo?  OSCAR 2016: DICAPRIO VINCE E TWITTER ESPLODE
Commenti