RICHARD DREYFUSS AL ROMA FICTION FEST: «MADOFF ERA UN MOSTRO»

Lo squalo di Wall Street Bernard Madoff, autore di una delle più gigantesche frodi finanziarie di tutti i tempi, smascherato dall’indagine avviata dall’analista Harry Markopolos, arrestato nel 2008 e condannato a 150 anni di carcere, ha il volto di Richard Dreyfuss, icona della New Hollywood politicamente impegnata, in questi giorni a Roma come presidente di giuria della decima edizione del Roma Fiction Fest e protagonista di una masterclass con il diretto del festival Giuseppe Piccioni e Piera Detassis.

richard dreyfuss madoff roma fiction festPresentato in anteprima fuori concorso ieri al festival e in onda in prima tv su Sky Cinema Uno HD il 28 gennaio, Madoff, miniserie in due parti ispirata al libro The Madoff Chronicles di Brian Ross, diretta da Raymond De Felitta e prodotta da ABC Studios, ci porta nel complesso mondo della finanza, dove per anni il protagonista ha accumulato una fortuna costata miliardi di dollari agli ignari risparmiatori. La storia ricostruisce la celebre truffa basata sullo schema Ponzi (che garantisce guadagni solo all’arrivo di nuovi investitori) ripercorrendone le varie fasi con grande ritmo, riuscendo a rendere comprensibile e appassionate come un thriller una materia ostica ai più, come aveva già fatto al cinema La grande scommessa. Al fianco di Madoff, una ricca galleria di personaggi più o meno consapevoli e complici delle sue criminali manovre, interpretati tra gli altri da Blythe Danner, Peter Scolari, Frank Whaley, Tom Lipinski, Danny Deferrari, Michael Rispoli, Lewis Black.

«Spero che il pubblico non trovi Madoff simpatico – ha dichiarato ieri Dreyfuss – perché è un vero mostro. Avrei potuto parlargli al telefono, ma ho deciso di non farlo perché non mi avrebbe raccontato la verità, non lo ha mai fatto. Sono soddisfatto della chiarezza delle sceneggiatura, ma molto amareggiato che la ABC non abbia avuto il coraggio di nominare le banche complici di Madoff, come la City Bank e la Wells Fargo. Mi sento complice di questo atto di codardia». E a proposito del neoeletto presidente americano Donald Trump aggiunge: «Non discuto le idee politiche del suo partito, ma lo contesto per la sua totale mancanza di decenza. Ci ha maltrattato e umiliato per mesi con i suoi grotteschi comportamenti facendosi beffe anche dei suoi alleati. È il bullo del bar, l’ubriaco più fastidioso, la persona che mai vorreste avere in famiglia o a cena».

Già protagonista nel 2010 della piece teatrale Imagining Madoff e del documentario Chasing Madoff, il consulente finanziario, al quale allude anche in Blue Jasmine di Woody Allen il personaggio interpretato da Alex Baldwin, avrà il volto di Robert De Niro in The Wizard of Lies diretto da Barry Levinson.

Alessandra De Luca