È MORTO L’ATTORE ANTON YELCHIN

Un piccolo errore, forse la distrazione di un attimo, che è stata fatale: l’attore Anton Yelchin è morto domenica sera schiacciato dalla sua stessa auto, scivolata nel vialetto in ripida discesa della sua casa di Los Angeles. Aveva solo 27 anni. Yelchin è famoso per aver interpretato il secondo ufficiale dell’Enterprise Pavel Chekov nella saga di Star Trek firmata da J. J. Abrams, ma aveva all’attivo già più di 30 film.

Come Chekov, anche Anton Yelchin era di origine russa ma ha vissuto praticamente tutta la sua vita negli Stati Uniti: i suoi genitori, due danzatori del Leningrad Ice Ballet, si erano trasferiti in America quando lui aveva pochi mesi con lo statuts rifugiati politici. Yelchin ha debuttato a soli 11 anni nel film A Time For Dancing, nel 2001 ma il successo è arrivato con Alpha Dog di Nick Cassavetes, nel quale interpreta un ragazzino rapito da un giro di piccoli spacciatori di Los Angeles. Poi sono in tanti i registi che lo hanno scelto: McG in Terminator Salvation, Jodie Foster in Mister Beaver, Drake Doremus in Like Crazy, Gran Premio della Giuria al Sundance 2011, Jim Jarmush in Solo gli amanti sopravvivono, Michael Almereyda in Cymbeline, che è passato alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2014, Joe Dante in Burying the Ex, Paul Schrader in Il nemico invisibile.

Con quell’aria pulita ma i tratti risoluti dell’est Europa, adattabili a un’infinità di personaggi diversi, Anton era di certo una delle nuove promesse di Hollywood, con una carriera tutta in ascesa. Lo rivedremo sullo schermo il 21 luglio nell’ultimo capitolo delle avventure dell’Enterprise in Star Trek Beyond, ma se n’è andato davvero troppo presto: chissà quante emozioni avrebbe potuto regalarci ancora.