Addio a Flavio Bucci, morto a 72 anni l’attore di Ligabue e del Marchese del Grillo

Attore, doppiatore e produttore, nella sua carriera ha interpretato quasi 100 film. Tra i registi che lo hanno voluto sul set Monicelli, Argento, Salvatores, Virzì e Sorrentino

“E’ morto Flavio Bucci, il grande interprete noto per il personaggio di Antonio Ligabue e decine di film come il Marchese del Grillo”. A renderlo noto in un post su Facebook è stato il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino.

Flavio Bucci, che da alcuni anni risiedeva a Passoscuro, sul litorale romano, era nato a Torino il 25 maggio 1947 da una famiglia molisano-pugliese e si era formato professionalmente alla Scuola del Teatro Stabile di Torino.

Il debutto nel cinema è nel 1973 con Elio Petri che lo volle come protagonista del suo film La proprietà non è più un furto. Nel 1977 la grande popolarità con il personaggio di Ligabue nell’omonimo sceneggiato televisivo Rai diretto da Salvatore Nocita con il quale tornerà per un piccolo ruolo nei Promessi Sposi (1989). Sempre per il piccolo schermo ha recitato nella prima Piovra (1984) di Damiano Damiani e in L’avvocato Guerrieri – Ad occhi chiusi (2008) di Alberto Sironi. Tanti i ruoli di caratterista al cinema, dal prete Don Bastiano nel Marchese del Grillo di Mario Monicelli (1981) al Divo di Paolo Sorrentino (2008).