Alessandro Gassmann medico di origine ebrea in “Non odiare”, tra odio razziale e sensi di colpa

Un affermato chirurgo di origine ebraica alle prese con una decisione che cambierà per sempre la sua vita: è il nuovo personaggio di Alessandro Gassmann in Non odiare, opera prima di Mauro Mancini in corso di riprese in questi giorni a Trieste. Accanto a lui la coprotagonista Sara Serraiocco, per una storia che riflette sulla tolleranza, l’accettazione del passato e il senso di colpa.

Non odiare: la sinossi

Nel cuore di Trieste vive Simone Segre (Alessandro Gassmann), un affermato chirurgo di origine ebraica: ha una vita tranquilla, apparentemente risolta, una compagna che lavora in Francia come reporter, un appartamento elegante e nessun legame con il passato. I duri contrasti con il padre, un reduce dei campi di concentramento morto da poco, lo hanno portato, da anni, ad allontanarsi da lui.

Tornando dallʼallenamento settimanale di canottaggio, Simone si trova a soccorrere un uomo vittima di un incidente stradale: ma quando scoprirà sul petto di questo un tatuaggio nazista, lo abbandonerà al suo destino e nel momento in cui arrivano i soccorsi è ormai troppo tardi.

I giorni seguenti, però, saranno sotto il segno del senso di colpa per la morte dell’uomo: situazione che lo spingerà a rintracciare la famiglia del neonazista che vive in un complesso residenziale popolare, il cosiddetto “quadrilatero di Melara”: Marica, la figlia maggiore (Sara Serraiocco), Marcello (Luka Zunic) il figlio adolescente contagiato anche lui dal seme dell’odio razziale e il “piccolo” Paolo (Lorenzo Buonora). E verrà la notte in cui Marica busserà alla porta di Simone, presentandogli inconsapevolmente il conto da pagare.

Non odiare accade non a caso a Trieste, una città innervata da tante etnie, pulsioni, sedimentazioni: un seducente melting-pot dalle profonde radici ebraiche, testimoniate dall’antica sinagoga, che sarà utilizzata per la prima volta per girare le sequenze di un film.

Ispirato a un fatto di cronaca

«Né buoni né cattivi, ma semplicemente esseri umani ordinari in situazioni straordinarie»: così Mauro Mancini descrive i suoi personaggi. «Non odiare racconta quello che siamo sotto la pelle. La pelle bianca, “ariana”, che vorrebbero avere Marcello e i suoi amici neonazi e quella bianca, “non ariana”, di Simone. La pelle tatuata del padre di Marcello e quella marchiata del padre di Simone. La pelle “scura” dei migranti pestati a sangue nei bangla-tour e quella diafana, limpida di Marica. E’ la pelle “sporca” dei “rom” ai semafori. Non odiare  è la pelle delle nostre città.  E’ il pretesto per riconoscere l’altro come diverso. Pretesto per odiare l’altro come diverso. Non odiare è la nostra pelle».

Non odiare è ispirato a una storia vera: «Ho preso spunto da un fatto di cronaca avvenuto a Paderborn, in Germania», aggiunge il regista. «Un medico ebreo si è rifiutato di operare un paziente a causa del vistoso tatuaggio nazista che aveva sul braccio. Il medico, dopo essersi fatto sostituire da un collega, ha dichiarato: “non posso conciliare lʼintervento chirurgico con la mia coscienza”. La stessa coscienza che abbiamo immaginato impedisca al nostro protagonista di soccorrere lo sconosciuto dell’incidente».

Il film, prodotto da Mario Mazzarotto, è una coproduzione Italia/Polonia: Movimento
film e Agresywna banda, con Rai Cinema, in associazione con Notorious Pictures,
che distribuirà il film in Italia.