ALL’ORA DELL’APERITIVO ACCENDI LA RADIO

Francesco Montanari e Alessandro Bardani conducono Happy HourQuando arriva l’ora dell’aperitivo «due ragazzi tra i 30 e 40 anni si siedono e cominciano a lamentarsi di tutto, ripetono tra loro che bisogna sistemare le cose, ma non fanno mai niente. Fino al giorno dopo»: ecco spiegata in due parole da Francesco Montanari Happy Hour, la sketch comedy di cui è protagonista su Radio2 tutti i giorni alle 19.45 con Alessandro Bardani. I due si sono conosciuti sul set di Romanzo criminale e da allora «abbiamo cominciato a parlare, a collaborare per il corto Ce l’hai un minuto? e poi nello spettacolo teatrale Il più bel secolo della mia vita», aggiunge Montanari.

Francesco Montanari e Alessandro Bardani conducono Happy Hour«È un frammento di discorso, quasi nove minuti di parlato in una trasmissione che dura un quarto d’ora (il resto è musica). Anche le battute all’interno del testo cerchiamo sempre che siano un po’ surreali, grottesche, leggermente sopra le righe, proprio come quelle di due persone che si incontrano per bere qualcosa insieme. Seguiamo un copione, ma poi ci improvvisiamo sopra», interviene Bardani. Poche settimane fa Montanari ha sposato Andrea Delogu, conduttrice Tv (Parla con lei su FoxLife e da settembre tornerà a Stracult) e radio (I sociopatici su Radio2) che ha fatto felici tutti i giornali di gossip (ma non solo) organizzando per il matrimonio un simpatico quanto inaspettato flash mob, cantando al neomarito T’appartengo. Insomma, per il Libanese di Romanzo criminale un brano di Ambra Angiolini e non di Franco Califano! Ma è stata proprio Andrea, ci racconta Bardani, a consigliarli, dopo averli visti l’estate scorsa nel reading teatrale La più meglio gioventù, di farne un format per la radio. Detto fatto, fino al 7 agosto.

Francesco Montanari e Alessandro Bardani conducono Happy HourIntanto i due ragazzacci stanno lavorando già a tante altre cose: Bardani sta scrivendo con Luigi Di Capua (The Pills, ma anche autore di Happy Hour con gli stessi Bardani e Montanari, Valerio Lundini e Paola Pessot) quella che sarà la sua opera prima cinematografica tratta da Il più bel secolo della mia vita. Montanari ha tre film in arrivo: Sole, cuore, amore… di Daniele Vicari con Isabella Ragonese (uscirà in autunno) e due opere prime, Ovunque tu sarai, commedia di Roberto Cappucci (con Ricky Memphis), e il thriller Le due verità di Giuseppe Alessio Nuzzo (con Nicoletta Romanoff e Anna Safroncik). Ma c’è anche il teatro: sarà all’Eliseo di Roma dal 27 settembre (per cinque settimane) in Americani-Glengarry Glen Ross di David Mamet (che scrisse anche la sceneggiatura per il film Americani di James Foley con Al Pacino, Jack Lemmon, Alec Baldwin e Kevin Spacey). Con lui Sergio Rubini, Gian Marco Tognazzi, Roberto Ciufoli e Gianluca Gobbi, direzione artistica di Luca Barbareschi. Ma tra un set e un palcoscenico, se lo spritz è finito meglio ordinarne subito un altro perché, parafrasando Jep Gambardella (come fa prima di ogni puntata di Happy Hour Montanari) «non c’è più tempo di fare quello che non ti va di fare».