American Horror Story 6: la dea celtica che ha ispirato il personaggio di Lady Gaga

Quella che credevamo una pura divinità dei boschi incontaminati nella fase più arcaica della storia americana, come abbiamo dovuto constatare nell’ultimo episodio di American Horror Story: Roanoke altro non è che la figlia di un antico druido trapiantatasi per varie ragioni sul suolo del nuovo mondo, dove dopo diverse vicissitudini ha sviluppato una forza e poteri inauditi grazie alla simbiosi con una natura ancora del tutto vergine. Questa sorta di spirito delle vegetazione inesplorata, per l’appunto imbattutosi nella colonia di Roanoke rendendola immortale dopo averne sedotto la leader, usa attorniarsi di animali ben precisi, suini o cinghiali, la cui presenza nella stagione potrebbe ora apparire di gran lunga più chiara se, diversamente dalla tradizione gaelica alla quale si ascriverebbe, si accetta piuttosto di ricollegarlo alla dea Arduinna.

Originaria del pantheon celtico, Arduinna (o Arduena) si diceva dimorasse la foresta delle Ardenne, crocevia naturale tra l’area francese, belga e lussemburghese, e l’iconografia tradizionale la rappresentava a cavalcioni di un cinghiale. La dea, la cui fisionomia mitica ricorda per certi versi l’oscura Ecate e fu assimiliata dai Romani a Diana, fu venerata sino al XII sec., dopodiché ne venne proibito il culto, solitamente celebrato con riti misterici. Molti di questi elementi coincidono dunque con la portata del personaggio interpretato da una riuscitissima Lady Gaga: oltre alla frequenza con cui cinghiali o maiali – animali sacri ad Arduinna – si aggirano intorno a lei e alla casa dei Miller a simboleggiarne evidentemente il predominio su quelle terre, anche la scena già cult durante la quale la Macellaia addenta il cuore ancora pulsante di un cinghiale potrebbe rappresentare una segreta cerimonia d’iniziazione al culto della dea.

Infine, c’è la questione del ciclo lunare, col quale anche la dea s’identificava alla stregua del suo corrispettivo greco-romano.

Così come Artemide-Diana, Arduinna era infatti tradizionalmente associata sia alla caccia sia alla luna e alle sue forme di venerazione, nonché alle diverse fasi di vita della vegetazione. Durante il mese di ottobre, quando la luna piena assume un colore rossastro, significa che l’inverno si avvicina e bisogna prepararsi per la caccia a causa dell’imminente assopimento della natura. Nel quarto episodio, questa fase lunare è stata definita Dying Grass Moon e soprattutto Blood Moon, “luna rosso sangue”.

Proprio durante tale breve arco di tempo lo spirito dei boschi impersonato da Lady Gaga si manifesterebbe con maggiore violenza, incurante di tutti coloro che incontra sul suo cammino.

Resta però il fatto che secondo la pagina facebook ufficiale di American Horror Story, non è Arduinna il nome dato al ruolo di Lady Gaga, bensì Scatchach. Eppure i connotati di quest’ultima, che fu una sorta di Chirone al femminile dell’antica cultura irlandese, ci appaiono meno verosimilmente rispondenti a quelli di Arduinna da noi or ora passati in rassegna. Come l’allenatore di Achille, infatti, Scathach fu responsabile del tirocinio di Cù Chulainn, antico eroe dell’Ulster. Pare perciò piuttosto evidente che il tenore dell’attuale personaggio di Roanoke, a meno che non ci aspetti una sua qualche prossima evoluzione in tal senso, sia decisamente diverso. A chi dare ragione?