Away, Hilary Swank: “Sono diventata fortemente claustrofobica”

Hilary Swank ha rivelato che sul set della serie "Away" ha sviluppato una seria forma di claustrofobia

Hilary Swank non ha passato momenti facilissimi sul set di Awayla serie fantascientifica di Netflix incentrata su un viaggio spaziale verso il pianeta Marte. L’attrice due volte premio Oscar ha raccontato infatti in un lungo post su Instagram di essere diventata fortemente claustrofobica per via della tuta da astronauta e il casco che ha dovuto continuamente indossare. Paure che non aveva mai provato prima in vita sua, ma che ora ha imparato ad affrontare.

“Non ho mai, nemmeno una volta in vita mia, avuto una fobia. Fino ad ora. E sarò sincera, prima neanche le capivo, ho sempre pensato “Fatela finita, è solo un ragno, o cose simili”. Finché io stessa non sono diventata gravemente claustrofobica. Al punto che tutto il mio corpo si è ricoperto di sudore nel giro di 30 secondi e il mio viso è diventato rosso come un pomodoro… sono quasi svenuta mentre provavo per la prima volta la tuta spaziale e il casco. Non è una cosa solo mentale, ma anche molto fisica.

Tuttavia Le nostre menti controllano molto, se non tutto. Dopo sei mesi non sono riuscita a superare la mia claustrofobia, ma sono riuscita ad arrivare ad una sorta di compromesso mentale. Quando calmiamo le nostre menti e ci sediamo con la paura, NON cerchiamo di allontanarla, ma affrontiamola, assecondiamola in modo diverso, affinché sia “fattibile”.

Interpretare un’astronauta in AWAY mi ha spinto oltre limiti che non avrei mai pensato possibili. È stata una lezione importante per me… in tanti modi.

Spero che condividendo questi miei pensieri vi possiate sentire meno soli contro qualsiasi cosa che si impadronisca della vostra mente e quindi del corpo. Siate pazienti con voi stessi.”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I have never, not once in my life, had a phobia. Until now. And I’m gonna be honest, I never understood them, I always thought “get over it, it’s just a spider, etc. walk away.” Until l, of course myself, became severely claustrophobic. To the point my entire body broke out in sweat and I was drenched within 30 seconds and my face looked like a very ripe tomato…and I almost passed out while trying on my finished spacesuit and helmet for the first time. It is not just mental, it is very physical. BUT, our mental minds do control a lot, if not everything. After six months, I was not able to overcome my claustrophobia, but I was able to come to a type of meeting of the minds with it. When we calm our minds and sit with the fear, NOT try and push it away, we can sit with it in a different way, that makes it “doable”. Playing an astronaut in AWAY made me push into the sharp edges in a way I never thought it would. This was such an important lesson for me…in so many ways. I hope that in sharing this you might feel less alone in whatever it is that takes over your mind and therefore body. Be patient with yourself. #WeAreNeverInThisAlone #Away

Un post condiviso da Hilary Swank (@hilaryswank) in data:

Creata da Andrew Hinderaker, “Away” segue le vicende di Emma Green, brillante astronauta che deve accettare di abbandonare il marito (Josh Charles) e la figlia adolescente (Talitha Bateman) per comandare un equipaggio spaziale internazionale della durata di 3 anni che si imbarca per una pericolosa missione per Marte. Il viaggio nello spazio diventerà sempre più movimentato, così come si complicheranno i rapporti tra gli astronauti, facendo emergere gli effetti della distanza dai propri cari rimasti sulla Terra.

I dieci episodi della prima stagione sono disponibili su Netflix dal 4 settembre 2020.