Barbara Shelley, icona dell’horror britannico, è morta a 88 anni

L'attrice aveva 88 anni ed è morta per un'infezione e per complicazioni dovute al Covid. Aveva anche recitato in Doctor Who

Barbara Shelley

Barbara Shelley, attrice britannica famosa per le sue interpretazioni in grandi film horror britannici, è morta oggi, 4 gennaio 2021. Shelley era stata ricoverata in ospedale dopo avere contratto il Covid proprio a seguito di una visita di controllo per un problema muscolare. La notizia è stata confermata dal suo agente Thomas Bowington che ha specificato che Mrs. Shelley non è deceduta a causa del virus, ma per l’aggravarsi di patologie precedenti.

Barbara Shelley è stata il volto della Hammer Films

La casa di produzione che negli anni Cinquanta e Sessanta costruì l’immaginario di genere britannico, reinventando classici come Dracula, la Mummia, Frankenstein, oltre a produrre film rimasti poi nella storia dell’horror e della fantascienza come il ciclo del Dottor Quatermass e Il villaggio dei dannati.

Barbara Shelley fu protagonista di ognuno di questi film, lasciando un segno indelebile nella storia del cinema inglese, recitando al fianco di Christopher Lee, Peter Cushing e Vincent Price. Nata nel 1932, Shelley ha avuto ruoli anche in molte serie classiche della televisione britannica, da The Avengers a Doctor Who, passando per Il Santo e fino alla più popolare soap della storia della BBC, la fluviale Eastenders.

All’inizio della sua carriera ebbe anche un breve periodo italiano, recitando da giovanissima nei film di Totò Destinazione Piovarolo e Totò, Peppino e i fuorilegge, in Mio figlio Nerone di Steno, con Alberto Sordi, Vittorio De Sica e una praticamente sconosciuta Brigitte Bardot.

Ma fu grazie alla Hammer che divenne celebre

Come in Italia lo fu un’altra britannica, Barbara Steele in questo caso, scream queen per eccellenza dell’horror italiano di quegli anni. Il suo primo ruolo da protagonista fu in Cat Girl, ovviamente ispirato a Il bacio della pantera di Jacques Tourner. Il ruolo per cui viene da tutti ricordata è quello di Anthea Zellaby nello straordinario Il villaggio dei dannati (1960) in cui recita al fianco di Vincent Price. Nel 1965 è oggetto del desiderio del Conte Dracula, impersonato da Christopher Lee.