Box office, le novità non spodestano A Star Is Born

A star is born

Sono stati poco più di un milione, in calo rispetto alle ultime due settimane, i biglietti staccati nei cinema monitorati da Cinetel nel week end giovedì 18-domenica 21 ottobre. È mancata l’uscita di una novità in grado di richiamare ampie fasce di pubblico ed infatti in testa al box office si confermano, nello stesso ordine della scorsa settimana, due titoli già in programmazione. Resta al primo posto A Star Is Born, che perde solo il 28% di presenze rispetto allo scorso week end, incassa 1,2 milioni di euro e porta il proprio totale a 3,6 milioni. Più consistente il calo di Venom, che, alla terza settimana di programmazione, raccoglie 727 mila euro, arrivando a superare complessivamente 7,5 milioni.

Fra le novità l’incasso maggiore lo ha fatto registrare Pupazzi senza gloria che, con 221 copie, ha rastrellato 613 mila euro, superando di un soffio Soldado, che ne ha raccolti 604 mila, ma con ben 157 copie in più. Il film americano di Sollima, a sua volta, ha preceduto Piccoli brividi 2, che ha incassato 598 mila euro con 300 schermi occupati. La migliore media copie del fine settimana è stata fatta segnare da The Childern Act – Il verdetto, che, con 143 schermi occupati, ha esordito incassando 483 mila euro. Per restare alle nuove uscite, decisamente modeste, al contrario, le medie copie di Nessuno come noi 277 mila euro per 255 schermi e di The Predator 138 mila con 188 copie. Nel disastro commerciale del cinema italiano, confermato oltre che dal modesto esito di Nessuno come noi, anche da quello de In viaggio con Adele, che lanciato come anteprima dalla Festa del Cinema di Roma, ha rastrellato 23 mila euro con 49 copie, da segnalare l’eccezione di un piccolo film, La fuitina sbagliata, che conferma un ottimo andamento rispetto al numero di schermi occupati, questa settimana 59, ed è arrivato a totalizzare 635 mila euro.