Box office: Rampage-Furia animale primo in classifica

Rampage

Presenze e incassi in risalita rispetto alla scorsa settimana, anche se è complicato esprimere un giudizio sul risultato dell’ultimo week end, con un giovedì a prezzo ridotto per l’iniziativa Cinemadays. La manifestazione, in programma dal 9 al 12 aprile, ha portato in sala in quattro giorni 850 spettatori, ma l’associazione degli esercenti considera il dato deludente, perché ha fatto segnare un 30% in meno rispetto all’analogo Cinemadays di due anni fa. Di certo promozioni di questo genere dovrebbero essere accompagnate da una sostanziosa offerta di novità accattivanti, come nel caso specifico non è accaduto. Tornando ai dati del box office, un solo titolo fra giovedì 12 e domenica 15 aprile ha raggiunto il milione di euro: è Rampage-Furia animale, che, con 430 copie in programmazione, ha richiamato in sala 200 mila spettatori per un incasso di 1,2 milioni, facendo registrare una media copia che sfiora i 3 mila euro.

Rampage - Furia animale
Rampage – Furia animale

Nettamente staccato il più diretto concorrente Io sono Tempesta con 790 mila euro per 376 copie, frenato dalla concorrenza di una quantità di altre commedie nazionali ancora in programmazione. Quindi alle spalle delle due novità, Nella tana dei lupi con 540 mila euro; Ready Player One con 495 mila, entrambi con un calo rispetto alla scorsa settimana di oltre il 40% e quindi I segreti di Wind River con 367 mila, che, al contrario, conferma l’incasso dello scorso week end. Solo sesto posto per la novità in animazione Sherlock Gnomes con 311 mila euro per 333 copie, con una deludente media schermo. Modesti, per restare alle nuove uscite, anche gli esiti di The silent man 270 mila euro con 239 copie e The happy prince 208 mila con 159 schermi occupati. Da segnalare la buona performace de La casa sul mare, che, lanciato con un’uscita di nicchia su 27 schermi, ha totalizzato 87 mila euro con una media schermi superiore a 3 mila euro, il top della settimana, anche se, ovviamente, il limitato numero di copie resta un fondamentale aiuto per ottenere prestazioni significative.

Franco Montini