Box Office Usa: “Get Out” vince l’Oscar del weekend

E mentre Moonlight vinceva a sorpresa l’Oscar come miglior film, il thriller-horror Get Out trionfava al botteghino con un incasso di ben 30.5 milioni di $. Prodotto dal “solito” Jason Blum con un budget di appena 4.5 milioni, Get Out, apprezzato dalla critica al Sundance Film Festival dello scorso gennaio, segna l’esordio alla regia di Jordan Peele.

Scivola in seconda posizione LEGO Batman-Il film con 19 milioni (133 totali e 226 in tutto il mondo).

Risale di una posizione John Wick: Chapter 2 (9 milioni, 74 casalinghi e 125 worldwide) e a farne le spese è il kolossal The Great Wall che si ferma ai piedi del podio con 8.7 milioni e 34.4 totali. L’avventuroso film con Matt Damon sta facendo decisamente meglio fuori dai confini nordamericani dove ha già raccolto 265 milioni (300 complessivi). Quinta posizione per Cinquanta Sfumature di Nero con 7.7 milioni (103 totali e 328 internazionali). Alla posizione numero sei troviamo la comedy Fist Fight con 6.3 milioni di $ (24 globali). Settimo posto per Il diritto di contare con 5.8 milioni di $ (152 casalinghi e 182 worldwide). E’ bagarre nelle ultime posizioni della top ten con tre film divisi da 800mila $. La La Land, il grande deluso della Notte degli Oscar nonostante le 6 statuette vinte, è ottavo con 4.6 milioni (140 totali e 369 in tutto il mondo), Split è nono con 4.1 milioni (130 in patria e 221 all’estero) e Lion è decimo con 3.8 milioni (42 casalinghi e 88 worldwide).

Falsa partenza per Autobahn-Fuori Controllo. L’action-movie con Nicholas Hoult, Anthony Hopkins e Ben Kingsley incassa 1.5 milioni di $ con una media per sala incredibilmente bassa (753 dollari). Fuori dagli Usa, invece, è Resident Evil: The Final Chapter il trionfatore della settimana. L’ultimo capitolo del movie-game franchise ha fatto registrare un debutto-shock in Cina con 94.3 milioni di $ in tre giorni. Si tratta di una grande rivincita per il film di Paul W.S. Anderson che in patria ha rastrellato appena 26.5 milioni (peggior incasso casalingo dell’esalogia).

Daniele Pugliese