Bud Spencer: a Napoli in mostra le molte vite del “gigante gentile”

Una grande mostra dedicata a Bud Spencer, nella sua Napoli, per celebrare una delle icone più amate del cinema italiano, a due anni dalla scomparsa: è la speciale esposizione Le molte vite del gigante gentile Bud Spencer, che sarà inaugurata il prossimo 21 settembre al Pan | Palazzo delle Arti Napoli, il prestigioso spazio espositivo del Comune di Napoli, città dove Carlo Pedersoli, vero nome di Bud Spencer, è nato ed alla quale è stato sempre molto legato. Tanto che quando viene chiesto a Piedone Lo Sbirro: “Sei italiano?”, lui risponde “No, sono napoletano”.

La mostra, aperta dal 21 settembre al 21 novembre 2018, ripercorrerà tutta la sua vita, non solo la carriera cinematografica, dall’iniziale attività sportiva come atleta di nuoto alla poliedrica instancabile creatività che lo ha portato nel corso degli anni a ricoprire i panni di imprenditore, pilota, scrittore, compositore, cantante e persino inventore.

La mostra-evento racconterà anche il mondo che si è mosso intorno al grande Bud Spencer: dal suo straordinario partner Terence Hill, ai registi con i quali ha collaborato, da Steno a Olmi, da Festa Campanile a Montaldo, da Giuseppe Colizzi a E.B.Clucher e ancora Dario Argento, Castellari, Deodato, Capone, senza dimenticare gli autori delle colonne sonore, Micalizzi, i fratelli De Angelis, i La Bionda, per citarne solo alcuni.

L’esposizione, narrata dalla stessa voce di Bud Spencer, vuole essere un viaggio nel mondo dell’attore. Lungo un intero piano del Pan di Napoli impianti multimediali, videomapping, proiezioni su pannelli, oggetti di scena, costumi, primi italiani ed internazionali ricevuti sia come artista che come sportivo, articoli dei giornali di tutto il mondo, poster, manifesti di film, foto pubbliche e private, gadget, il primo videogioco dedicato alla coppia Bud Spencer e Terence Hill e la riproduzione dell’imponente statua che gli è stata dedicata dalla città di Budapest, ripercorreranno la sua intera vita.

Una monografia sintetizzerà l’intero percorso espositivo quale ulteriore documento della vita del “gigante gentile”. Persone che lo hanno conosciuto, giornalisti, collaboratori, amici e professionisti del mondo cinematografico testimonieranno, attraverso piccoli saggi, impressioni, confidenze, aneddoti, il loro personale ed intimo ricordo.

La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, è curata da Umberto Croppi, coprodotta da Equa e dall’Istituto Luce Cinecittà con la partecipazione della famiglia, la moglie Maria Amato e i figli Giuseppe, Cristiana e Diamante Pedersoli. Progetto allestimento e video installazioni sono a cura di Art Media Studio.

Sfoglia la gallery su Bud Spencer!