CANNES 2016: GUIDA AL SETTIMO GIORNO SULLA CROISETTE

Occhi puntati oggi su Pedro Almodóvar e sul suo Julieta, col quale il regista spagnolo ritorna a raccontare una storia tutta al femminile. Olivier Assayas poi presenterà Personal Shopper, con protagonista Kristen Stewart e in Quinzaine arriva il terzo film italiano in rassegna, Fiore di Claudio Giovannesi. Andiamo a scoprire cosa succederà oggi sulla Croisette!

Oggi è sicuramente il giorno di Pedro Almodóvar, in concorso al festival con Julieta, con il quale il maestro spagnolo ritorna a parlare di donne complesse, nevrotiche e sfaccettate. Julieta, una professoressa cinquantacinquenne, cerca di spiegare a sua figlia Antia tutto ciò che non le ha mai rivelato in trent’anni. Al termine della scrittura non sa però dove inviare la sua confessione. Sua figlia infatti l’ha lasciata appena diciottenne, e negli ultimi dodici anni Julieta non ha più avuto sue notizie.

Julieta

Sulla Croiesette anche Olivier Assayas con Personal Shopper, thriller soprannaturale con protagonista Kristen Stewart, qui diretta per la seconda volta dal regista francese dopo la collaborazione in Sils Maria nel 2014. Maureen è una giovane americana che a Parigi si mantiene lavorando come personal shopper della celebrità Kyra. La ragazza ha la capacità di comunicare con gli spiriti dei morti, come quello del fratello gemello Lewis, da poco defunto. Ben presto, comincia a ricevere messaggi ambigui provenienti da una fonte sconosciuta.

Personal Shopper

In Un Certain Regard è la volta di Matt Ross, l’attore che interpreta Charles Montgomery nella prima e nella quinta stagione di American Horror Story, con il suo Captain Fantastic, dramma con protagonista Viggo Mortensen, già presentato al Sundance Film Festival di quest’anno. Il film racconta di un padre rigido e severo con i suoi sei figli, che vive in completo isolamento in una foresta nella regione del Pacific Northwest. Ma sarà costretto a lasciare il proprio paradiso personale e misurarsi con il mondo.

Captain Fantastic

Dopo Bellocchio e Virzì oggi tocca a Claudio Giovannessi alla Quinzaine des réalisateurs con Fiore, drammatica storia di un amore giovanile vissuto all’interno di un carcere. Il regista, premiato al Festival di Roma per Alì ha gli occhi azzurri, dirige qui l’esordiente Daphne Scoccia e Valerio Mastandrea. 

Fiore