Cena con delitto – Knives Out, Daniel Craig e un cast di star in un giallo impeccabile alla Agatha Christie

Knives Out Usa, 2019 Regia Rian Johnson Interpreti Daniel Craig, Chris Evans, Ana De Armas, Jamie Lee Curtis, Michael Shannon, Don Johnson, Toni Collette Distribuzione 01 Distribution Durata 2h e 11’

Al cinema dal 5 dicembre 2019

LA STORIA – Dopo la festa per il suo 85mo compleanno, Harlan Thrombey, giallista miliardario, viene trovato con coltello e gola squarciata la mattina dopo. L’ultima a vederlo vivo è la sua infermiera Marta Cabrera, amica e persona che riscuote la fiducia di tutta la famiglia. Per l’FBI si tratta inequivocabilmente di suicidio, per il celebre investigatore privato Benoit Blanc (“l’ultimo segugio gentiluomo”), invece il fatto non è così scontato. Anche perché qualcuno in forma anonima l’ha ingaggiato per indagare prima che succedesse il fatto e c’è di mezzo anche un testamento quanto meno sorprendente.

L’OPINIONE – Vi piacciono i gialli alla Agatha Christie? Vi piacciono le commedie in stile Invito a cena con delitto? Allora Knives Out è il film giusto al momento giusto, la giusta chiusura nel divertissement di classe del 37mo Torino Film Festival e titolo di punta del panorama pre-Natalizio.

Ambientato in Virginia, in pieno ambiente sussiegoso vittoriano (“Quest’uomo praticamente viveva nel tabellone del Cluedo!” afferma, non senza ragione, uno dei poliziotti), una trama impeccabile che si complica progressivamente sino alla spiegazione finale in cui tutte le tessere del puzzle vanno coscienziosamente a posto.

Rian Johnson, presasi una pausa dalla fantascienza intelligente (Looper, Star Wars gli ultimi Jedi), dirige con arguzia e gran senso degli spazi e della suspence un supercast, in uno di quei meccanismi in cui tutti sono sospettabili, ma questa volta con l’astuzia beffarda (tutta particolare) di fare sembrare la storia chiara ed esplicita alle nostre antenne da spettatori incalliti. Ovviamente non sarà così, anzi… perché come viene detto in una battuta: “Si può essere chiari con una lingua biforcuta”.

Dicevamo del cast, benissimo amalgamato e con ognuno dei personaggi con il carattere delineato e la funzione precisa. Da Daniel Craig, l’investigatore da romanzo ad Ana de Armas, l’ingenua che vomita se dice una bugia; da Chris Evans lo scapestrato che pare contro tutto e tutti a Jamie Lee Curtis, la primogenita dello scrittore, dura e snob, col marito Don Johnson più americano e piacione che mai e il fratello Michael Shannon, finto dimesso. Per finire con il patriarca, il capofamiglia, un Christopher Plummer tiranno di buon senso. Pura goduria da cinema popolare e colto.