Christopher Nolan durissimo contro Warner Bros: “Non capiscono cosa stanno perdendo”

Il regista ha criticato aspramente la decisione della Warner Bros, definendola "senza alcun senso dal punto di vista economico" e etichettando HBO Max come "il peggior servizio streaming"

Tutti i film in uscita nel 2021 della Warner Bros saranno distribuiti in contemporanea nei cinema e sulla piattaforma streaming di HBO Max. La decisione resa nota dallo studio lo scorso 3 dicembre ha lasciato un’eco enorme, provocando un’ondata di discussioni che andranno avanti ancora per molto tempo.

Diverse persone inserite nell’industria cinematografica, produttori, registi, star e loro rappresentanti, hanno criticato aspramente tale scelta; tra queste, c’è il regista Christopher Nolan che in una dichiarazione a The Hollywood Reporter ha commentato così la strategia della Warner Bros:

“Alcuni dei più grandi registi e delle più importanti star del cinema sono andati a letto la sera prima pensando di lavorare per il più grande studio cinematografico e si sono svegliati scoprendo che invece stavano lavorando per il peggior servizio di streaming”.

Con la Warner, Nolan ha firmato praticamente tutti i suoi più grandi successi, grazie ad un rapporto che va avanti ininterrottamente dal 2002, ai tempi dell’uscita di Insomnia.

“La Warner Bros aveva una macchina incredibile per far uscire il lavoro di un regista ovunque, sia nei cinema che in casa, e la stanno smantellando mentre parliamo” – ha aggiunto Nolan. “Non capiscono nemmeno cosa stanno perdendo. La loro decisione non ha alcun senso dal punto di vista economico e anche il più scarso investitore di Wall Street può vedere la differenza tra disordine e disfunzione”.

L’opinione di Nolan è condivisa da parecchie persone, tanto che già si comincia a parlare di rapporti rovinati (alcune personalità di Hollywood hanno cominciato a soprannominare lo studio “Former Bros.“, cioè ex-fratelli) e contratti probabilmente non più rinnovati.