Ciak Bizarro, le più eccentriche “Action Figures” legate al cinema

action figures

È notorio che il mondo dei “Catecumeni Yeeeuuuch!” amanti del “Bizarro” sia un’ “interzona” popolata da cinèfagi eccentrici che quando eleggono un film come loro titolo “cult” poi lo venerano e lo celebrano anche attraverso l’acquisto dei più svariati “memorabilia” che lo rappresentano, dal manifesto, alle t-shirt, ai mug, alle action figures, statuine in plastica dura, a volte anche snodabili che riproducono il sembiante dei personaggi principali.

Tra queste action figures disponibili sul mercato, molte sono relative ai generi SCI-FI, animazione e horror e nell’ambito di quest’ultima categoria abbiamo scelto di mostrarvi quelle che ci sono apparse più “weirdo”: Isabelle Adjani in “Possession” di Zulawski, il batuffolo di nebbia riguardante “Fog” di John Carpenter, il tronco di “Twin Peaks” e anche Anthony Perkins in Psycho travestito da “mamma assassina” con tanto di parrucca e di coltellaccio da applicare. Per quanto riguarda il genere “camp”, imperdibile la bambola di Divine in “Female Trouble” col volto butterato, i capelli corvini alla Liz Taylor e il feto aggiunto con cordoncino ombelicale rosso. Holy Socks, chi vuole più le Barbie?