Domenica 1 Settembre 2020

Fuori concorso, quei film che meriterebbero un premio

In un anno in cui i film a cui un festival può attingere sono stati molto meno del solito, Venezia 77, tra i tanti, ha fatto anche il miracolo di avere fuori dal concorso internazionale una serie di titoli che molti festival nel mondo considererebbero un privilegio. Basta snocciolare un po’ di nomi: Frederick Wiseman (che gioiello City Hall), Alex Gibney, il faccia a faccia Hopper/Welles, l’ultimo raffinato melò del Leone d’oro alla carriera Love After Love, Luca Guadagnino su Ferragamo.

HOPPER/WELLES di Orson Welles

Si potrebbero elencare tutti, ma la sintesi è che il comitato di selezione e il direttore artistico Alberto Barbera hanno fatto un lavoro straordinario, così come gli autori, produttori e distributori che hanno scommesso sul primo grande festival nell’era del Covid, vincendo. Perché chi è venuto quest’anno a Venezia si è preso un bel vantaggio rispetto a chi ha preferito avere un semplice bollino di qualità che ormai il mondo del cinema ha dimenticato senza rimpianti. Perché Venezia 77 è stata anche l’occasione per le distribuzioni italiane e internazionali di fare ottimi affari. Come Mandibule di Quentin Dupiex da parte di I Wonder Pictures che si è assicurata uno dei film più amati di questa edizione. Venezia li ha portati sul grande schermo, adesso questi film viaggeranno in giro per il mondo dei festival. Anche in concorso.

Log In

Forgot password?

Forgot password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Log in

Privacy Policy

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.