Domenica 13 Settembre 2020

L’emozione dei vincitori

Premi bagnati (di lacrime) premi fortunati. La Mostra dei coraggio si chiude con l’orgia di commozione dei premiati. Persino Pierfrancesco Favino, che vincendo la Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile in Padrenostro ha messo a segno una tripletta straordinaria, dopo essersi già aggiudicato il David di Donatello e il Nastro d’Argento, era emozionato.

«Il cinema è lo spazio tra la realtà e la nostra immaginazione» dichiara la divina presidente di giuria Cate Blanchett. «Si è fatta la storia. Dobbiamo brindare al coraggio di chi ci ha creduto dall’inizio alla fine», chiosa la madrina Anna Foglietta intanto, tra collegamenti in streaming per i ringraziamenti dei premiati bloccati dal lockdown e consegna in presenza di chi era riuscito ad essere al Lido, si è celebra il miracolo di una Mostra sulla riuscita della quale pochi avrebbero scommesso.

Giustissimo allora che il Leone d’Oro sia andato a Nomadland, racconto della vita dei nuovi nomadi americani, senza più una casa e in perenne migrazione da un lavoro stagionale all’altro. La straordinaria protagonista Frances McDormand e la regista Chloé Zhao hanno mandato il loro saluto dal fatiscente van usato nel film: «See you on the road», proprio come questa Mostra, che si è messa in gioco come mai nella sua storia.