Domenica 13 Settembre 2020

Film in gara oggi: “Pieces of a woman”

«Quando Martin Scorsese mi ha chiamato dopo avere visto per la prima volta il film, il tempo si è fermato per un istante». Queste le parole di Kornél Mundruczcò, regista di Pieces of a Woman, quando l’uomo che ha girato Taxi Driver gli ha fatto sapere che aveva amato tanto il suo lavoro da volerlo supportare. «Vedere film che ti colgono di sorpresa è raro» ha commentato Scorsese. «Pieces of a Woman è stata una profonda esperienza emotiva sin dalla prima scena e non ha fatto altro che diventare più forte con lo scorrere del film. Kornél ha uno stile immersivo e una fluidità con la macchina per cui è impossibile distogliere lo sguardo e non restare coinvolti».

Se un cineasta come Scorsese, che a proposito di fluidità di macchina ne sa qualcosa, ti fa un complimento del genere, qualcosa vorrà dire. Sulla potenza narrativa di Peices of a Woman c’è poco da discutere. Martha e Sean sono una coppia di Boston in attesa del loro primo figlio. Purtroppo la gioia si trasforma in tragedia, per mano dell’ostetrica presa dal panico durante il parto in casa. Per Martha inizia così un’odissea lunga un anno, durante il quale dovrà confrontarsi con il dolore per la perdita del figlio, le difficili relazioni con il marito e una madre dominante e il processo nei confronti dell’ostetrica, accusata di negligenza.

Tratto da un’esperienza personale condivisa con l’attrice e sceneggiatrice Kata Weber, Pieces of a Woman è il primo film in lingua inglese di Kornél Mundruczcò, regista ungherese assiduo frequentatore dei maggiori festival mondiali con i suoi film. Vincitore a Cannes 2014 della sezione Un Certain Regard con White Dog, Mundruczcò ha messo insieme un cast notevole per questa sua prima avventura americana. La coppia protagonista è composta da Vanessa Kirby (in concorso anche con The World to Come) e Shia LaBeouf, l’ostetrica è l’attrice canadese Molly Parker, mentre nel ruolo della madre c’è una vecchia conoscenza proprio di Martin Scorsese, Ellen Burstyn, che vinse l’Oscar come Miglior attrice protagonista per Alice non abita più qui.

Kata Weber e Kornél Mundruczcò collaborano da alcuni anni, White Dog è stato il loro primo lavoro insieme, seguito da Una luna chiamata Europa, e il prossimo progetto è in cantiere, una serie drammatica dal titolo Everybody’s Woman, ambientato nell’industria del porno e incentrato su una donna che dal set decide di passare dietro le quinte per acquisire potere. Decisamente una coppia creativa da tenere d’occhio.

PIECES OF A WOMAN
Canada/Ungheria, 2020 Regia: Kornél Mundruczcò, Interpreti: Vanessa Kirby, Shia LaBeouf, Ellen Burstyn, Jimmie Fails, Molly Parker, Sarah Snook, Iliza Shlesinger, Benny Safdie Durata: 115’