Ciak! Piemonte che spettacolo, seconda parte

Dieci clip e cortometraggi d’autore. Così il TFF ha deciso di dare rilievo al patrimonio artistico e culturale del territorio locale, esportando un valente artigianato filmico ben oltre i confini nazionali. Grazie al supporto della Fondazione CRT, sostenuta dall’autoctona Film Commission Torino Piemonte e dalla Fondazione Piemonte dal Vivo, dieci registi hanno scelto alcuni dei più importanti simboli culturali e artistici della regione Piemonte, rendendoli dei veri e propri set cinematografici per altrettante compagnie di teatro, musica, danza e circo contemporaneo. Di seguito lista delle opere in programma oggi dalle ore 15:30.

REACH THE LIGHT (regia di Michele Seia) Realizzato da Epica Film e dalla Compagnia Balletto Teatro di Torino, con le musiche di Lamberto Curtoni. Palazzo Alfieri – Museo Guglielminetti – Palazzo Mazzetti – Torre Troyana – Cripta di Sant’Anastasio – Complesso di San Pietro, Fondazione Asti Musei.  Nel folto assemble di opere d’arte preservate dalla Fondazione Asti Musei, luci ed ombre delle stesse opere d’arte si animano, solleticate da un leggiadro connubio di musica classica e danza contemporanea.

IL PRIGIONIERO (regia di Francesco Rigo) Nato dalla collaborazione fra BabyDoc Film, la compagnia di danza verticale EvoluzionAria e quella del compositore e flautista Pierpaolo Sicuro. Come ambientazioni sono stati scelti due manieri: quello del Monferrato e quello di Casale Monferrato (Alessandria). Qui, incontriamo una giovane e misteriosa dama portata dalle acque del fiume e un uomo tenuto prigioniero nelle segrete. La danza che si sviluppa in linea verticale è qui enigmatico simbolo dell’agognata liberazione.

NUOVO CONTATTO (regia di Francesco Cavagnino) Come location si trova il Museo Quartetto e quello di Vercelli, il “Francesco Borgogna”, dove Imago Communication, assieme alla compagnia di danza Zerogrammi e alla Società del Quartetto, animano le opere esposte mediante una sinfonia che le porta al di fuori della loro trance, risvegliandole.

ASSALTO AL CASTELLO (regia di Damiano Monaco) Realizzato da S-Pot Productions e dal gruppo musicale Bandakadabra, siamo qui presso il Castello di Govone, a Cuneo. Il custode del Castello – che ha il compito di curare e tenere in ordine il giardino, si prende carico delle opere d’arte senza sapere che, fra queste, si celano degli spettri che si dilettano con la musica.

IO GUARDO TE (regia di Valeria Civardi) Realizzato da Redibis Film e dalla compagnia Teatro della Caduta. Presso il Museo Storico Etnografico di Villa Caccia(Novara), il tempo è come bloccato e tutto diviene – al tempo stesso- sia palcoscenico sia spettatore delle arti performative del Teatro della Caduta. Dominano indiscusse la danza, la prosa e l’arte dell’improvvisazione.

Arianna Sofia Staderini