Il fronte interno, di Quirico, e gli altri titoli di oggi

Da sempre grande protagonista del Torino Film Festival, il documentario come mezzo di espressione, attraverso la settima arte, della forza dell’essere collettivo è il focus di TFF DOC/NOI  La sezione raccoglie titoli che hanno fatto della molteplicità di voci e di esperienze il filo narrativo che li attraversa e li anima. 

 

Undead Voices (2021)

Partendo dal film amatoriale Donne emergete! (1975) della regista Isabella Bruno, Undead Voices di Maria Iorio e Raphaël Cuomo offre un’illustrazione della diffusione e della distruzione della cultura legata ai movimenti di contestazione nell’Italia degli anni ’70. La coppia di artisti, che negli ultimi anni ha collaborato con diversi produttori in campo artistico, accademico e dell’attivismo, offre un cinema in grado di creare «una temporalità in cui le pratiche artistiche femministe del passato e del presente possono raggiungersi nel tempo e risuonare», grazie alla dimensione spettrale che il cinema riesce a mettere in scena. 

 

È solo a noi che sta la decisione (1976) 

Il film è l’espressione della volontà della sua autrice, Isabella Bruno, di prendere la parola in prima persona, attraverso la cinepresa, nel pieno del dibattito pubblico sull’aborto. È allo stesso tempo un «film militante e amatoriale», che si offre come pamphlet, rimasto invisibile per più di quarant’anni, «contro l’ipocrisia e la violenza di chi si oppone alla libertà di scelta delle donne», offrendo allo stesso tempo un panorama delle posizioni di tutti i partecipanti al dibattito pubblico: partiti, Chiesa, medici, opinione pubblica maschile, femministe.

 

Il fronte interno – Un viaggio in Italia con Domenico Quirico (2021)

Un viaggio che attraversa l’Italia, passando per quattro città: Milano, Aosta, Torino, Palermo. La regia di Paola Piacenza, filmaker e giornalista, accompagna Domenico Quirico, inviato di guerra, alla ricerca di fronti aperti nel proprio Paese. Quattro capitoli di un viaggio che mostra uomini e donne in territori privi di certezze e che si interroga sui modi e sui limiti della narrazione. Una riflessione su quella politica che in Italia «ha scelto di escludere gran parte dei suoi cittadini da ogni possibile visione del mondo e del futuro».

 

Nous (2021)

Seguendo le tappe della RER B, il servizio ferroviario urbano e suburbano che attraversa Parigi, Nous mostra senza filtri le banlieue di Parigi e alcuni abitanti della città, con le loro speranze, i loro desideri, la loro quotidianità. Il “noi” del titolo rievoca un’anima collettiva che respira e attraversa la città. Il punto di vista è quello, interno, della regista Alice Diop che, insieme alla sua famiglia, è parte integrante di Nous in quanto film, ma anche in quanto “noi” che raccoglie e unisce le anime del racconto. 

 

Gaia Ramazzotti 

Log In

Forgot password?

Forgot password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Log in

Privacy Policy

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.