Cinquanta sfumature di rosso, Jamie Dornan:«Io e Dakota abbiamo girato scene difficili»

Jamie Dornan racconta come ha lavorato con Dakota Johnson nelle scene più forti di Cinquanta sfumature di rosso. E come il suo Christian Grey è cambiato nel tempo

Jamie Dornan Cinquanta sfumature di rosso
Jamie Dornan Cinquanta sfumature di rosso

Jamie Dornan e Dakota Johnson stanno per tornare nei panni di Christian Grey e Anastasia Steele in Cinquanta sfumature di rosso, l’ultimo capitolo della trilogia tratta dai romanzi di E.L.James al cinema dall’8 febbraio. Per entrambi i protagonisti, un’esperienza umana e professionale importantissima: non solo perché hanno dovuto superare la sfida di incarnare sullo schermo due personaggi amatissimi sulla carta, ma soprattutto per il contenuto forte della trama.

Perché la saga di Cinquanta sfumature racconta una storia d’amore che inizia come  un rapporto sadomasochistico: Christian Grey è un “master”, un uomo che a letto ama le pratiche di bondage, frustini, punizioni e manette, mentre Anastasia una ragazza come tante che, affascinata dal suo carisma, accetta di diventare la sua “Sottomessa”. Sarà grande amore e passione, tanto che in Cinquanta sfumature di rosso i due convolano a nozze, dimostrando quanto i loro caratteri siano cambiati nel corso della saga proprio grazie al desiderio di condividere la vita. 

Quest’ultimo capitolo promette di virare al thriller. Sul set, però, le scene forti di sesso e dominazione non sono mancate. E Jamie Dornan spiega in un’intervista qual è stato il segreto grazie al quale lui e Dakota sono riusciti a superare la difficoltà di certi passaggi: «Abbiamo affrontato il progetto con la stessa energia e senso dell’umorismo, un aspetto fondamentale per affrontare le scene più difficili da girare. Nel corso della trilogia il personaggio di Christian è molto cambiato: all’inizio penso non si vedesse come un uomo sposato, era più egoista e complesso. Ma tutto cambia con l’arrivo di Ana».