Da Boy Erased a Widows – Eredità Criminale: le grandi anteprime agli Incontri del Cinema d’Essai di Mantova

Boy erased

Sono 30 i film che saranno presentati nel corso delle quattro giornate degli Incontri del Cinema d’Essai, in programma a Mantova dall’8 all’11 ottobre. Al principale appuntamento professionale dedicato al cinema di qualità, al quale partecipano oltre 600 professionisti del settore, è in programma l’anteprima di Boy erased, diretto da Joel Edgerton con un cast stellare Lucas Hedges, Nicole Kidman e Russell Crowe. Boy erased racconta la vera storia del figlio di un pastore battista dell’Arkansas costretto dai genitori a partecipare a una terapia di conversione dall’omosessualità. 

Un altro grande titolo in calendario è Widows – Eredità Criminale di Steve McQueen, interpretato da Viola Davis, Liam Neeson, Michelle Rodriguez, Robert Duvall e Colin Farrell. Tra le tante anteprime in programma a Mantova troviamo: Campeones di Javier Fesser che rappresenterà la Spagna agli Oscar per il film straniero, 7 uomini a mollo di Gilles Lelouch con Mathieu Amalric e Guillaume Canet, Un giorno all’improvviso di Ciro D’Emilio con Anna Foglietta, Giampiero De Concilio e Massimo De Matteo, 12 anni di Alvaro Brechner con Antonio de la Torre, Chino Darin e Alfonso Tort, Another day of life di Raul De La Fuente e Damian Nenow, Tel Aviv on fire di Sameh Zoabi con Kais Nashif (premio per l’interpretazione maschile a Venezia Orizzonti).

Alla rassegna il pubblico potrà vedere anche: Il banchiere anarchico di Giulio Base e Sogno di una notte di mezza età di Daniel Auteuil, Friedkin uncut di Francesco Zippel (un documentario dedicato al regista de L’esorcista), Museo – Folle rapina a Città del Messico di Alfonso Ruizpalacios (Orso d’argento per la sceneggiatura alla Berlinale 2018), La fuga di Sandra Vannucchi con Filippo Nigro, Donatella Finocchiaro e Lisa Andreozzi e Paulina di Santiago Mitre con Dolores Fonzi. Saranno poi previste anche proiezioni per le scuole, fra cui La strada dei Samouni di Stefano Savona.

La strada dei Samouni

I film si vanno ad aggiungere ai già annunciati: Cold War di Pawel Pawlikowski, Colette di Wash Westmoreland, Woman at war di Benedikt Erlingsson, Styx di Wolfgang Fischer,
Capri – Revolution di Mario Martone, What you gonna do when the world’s on fire
di Roberto Minervini, Leave no trace di Debra Granik, La douleur di Emmanuel Finkiel,
Still recording di Saeed Al Batal e Ghiath Ayoube la copia restaurata dalla Cineteca Nazionale de Le stagioni del nostro amore di Florestano Vancini, girato a Mantova.