Festa del papà, 6 film da vedere

Una piccola selezione di pellicole che raccontano il rapporto padre - figlio per celebrare insieme il 19 marzo

Il 19 marzo in Italia è la Festa del papà, una ricorrenza diffusa un po’ in tutto il mondo, sebbene ogni Paese abbia una sua data. Questo San Giuseppe 2020 è diverso da tutti gli altri: chiusi in casa, costretti a cambiare le nostre abitudini, niente scuola, niente sport ma per alcuni papà potrà essere l’occasione di passare più tempo con i propri figli.

Eroi del quotidiano, a casa e al cinema, sono tanti i film che ci hanno regalato l’immagine di padri indimenticabili. Qui ve ne suggeriamo sei.

Festa del papà, 6 film da vedere:

1. Kramer contro Kramer di Robert Benton (1979)

Il film con Dustin Hoffman e Meryl Streep racconta il dramma della battaglia fra due genitori per la custodia di un figlio, dramma spesso sottovalutato ai giorni nostri, ma che costa tantissime sofferenze alle famiglie. Ma racconta anche di un padre che “scopre” come diventarlo, spinto dalle necessità della vita che si trova suo malgrado costretto a vivere

2. La vita è bella di Roberto Benigni (1997)

Ormai un classico, il film più toccante di Roberto Benigni, che vinse l’Oscar per miglior film straniero e attore protagonista. La Storia è la vera protagonista, l’Olocausto, milioni di morti nei campi di sterminio. Per non vederlo soffrire, un padre fa credere al suo bambino che la deportazione sia solo un gioco a punti. Una favola, che prende vita durante una tragedia, da imprimere a fuoco nelle nostre menti. Da vedere col sorriso sulle labbra, per non dimenticare che i genitori farebbero qualsiasi cosa per i figli, anche stravolgere la realtà quando fuori non si vede la luce.

3. La ricerca della felicità di Gabriele Muccino (2006)

Chris Garner (Will Smith) cerca di guadagnarsi da vivere vendendo una serie di scanner medici, acquistati coi risparmi di una vita. Tuttavia gli affari non vanno come dovrebbero, e la loro situazione si fa difficile al punto che la moglie sceglie di andarsene. Chris si ritrova solo col figlioletto, perde la casa e anche l’automobile. Ma non si perde d’animo: trova lavoro come stagista e, seppure non pagato, lavora sodo per diventare un ottimo broker. La sua missione più importante è però una: insegnare a suo figlio che, con l’amore e con i sogni, si può comunque essere felici. Fino a che, proprio grazie a quel sogno, la vita torna a sorridergli.

4. In viaggio con papà di Alberto Sordi (1982)

Armando Ferretti (Alberto Sordi) e Cristiano Ferretti (Carlo Verdone) sono padre e figlio, ma sono diversissimi tra di loro. L’uno è un dongiovanni, sicuro di sè e uomo di successo, l’altro è un giovane ed ingenuo ragazzo. Quando Cristiano perde il passaggio per le sue vacanze il padre si offrirà di accompagnarlo e questo viaggio, dopo battibecchi, gag e sfuriate, li cambierà e li unirà.

5. Era mio padre di Sam Mendes (2002)

Tra i film da vedere per la festa del papà anche questa pellicola con Tom Hanks e Paul Newman, circondati da un supporting cast stellare che vede anche Jude Law, Daniel Craig e Stanley Tucci. Siamo aChicago, anni ’30: Michael Sullivan, a tutti noto come “l’Angelo della morte”, è uno spietato sicario della gang irlandese che fa capo al padrino John Rooney; ma è anche un marito premuroso, padre affettuoso di due bambini. Quando la moglie e il figlio più piccolo vengono uccisi, Sullivan – assetato di vendetta – non esita a coinvolgere l’altro figlio, fino ad allora ignaro della sua professione, trascinandolo con sé in un viaggio alla ricerca dell’assassino

6. Light of my Life di Casey Affleck (2019)

Un padre (Casey Affleck) cerca di proteggere la sua giovane figlia di undici anni, Rag. Siamo in un mondo dove una misteriosa malattia ha ucciso la maggior parte delle donne, sterminando quasi del tutto la popolazione femminile e trasformando in persone brutali e senza scrupoli gli uomini sopravvissuti. Rag e suo padre tentano di nascondersi tra i boschi del Midwest. Qui, tra sterpaglie e folti alberi, la ragazza vive dei frutti della Terra e impara dal genitore le nozioni dell’etica e della storia, tenendo così allenata la sua memoria. Costretta a fingersi un ragazzo ogni volta che incontra altri esseri umani uomini, la piccola riceve anche lezioni paterne di moralità: : questo per ricordarle che, a discapito degli eventi e dei travestimenti, sta crescendo come una giovane donna, proprio come aveva fatto sua madre.