BOX OFFICE: “ALICE ATTRAVERSO LO SPECCHIO” SCAVALCA “X-MEN: APOCALISSE”

Cambia il vertice del box office: in testa alla classifica degli incassi e delle presenze nella giornata di ieri è la novità Alice attraverso lo specchio, che, lanciata con 620 copie, ha richiamato in sala 27 mila spettatori per un incasso di 182 mila euro. Alle spalle del fantasy americano si sono piazzati due titoli già in programmazione: X-Men: Apocalisse, che rispetto ad una settimana fa perde oltre il 50% delle presenze, totalizzando 139 mila euro, e La pazza gioia, che contiene le perdite al 30%, incassando 112 mila euro.

Il resto del vertice del box office è occupato dalle altre nuove uscite: Julieta esordisce con 60 mila euro con 295 schermi occupati; Pelè ne totalizza 57 mila con 201 copie, Somnia 36 mila con 201 copie, per un totale di 70 mila essendo stato lanciato nella giornata di mercoledì. Da Cannes, oltre a Julieta di Almodóvar, è approdato in sala anche Fiore di Claudio Giovannesi, per il quale è stata decisa una strategia di uscita con un assaggio molto contenuto: solo 8 copie destinate esclusivamente alle piazze di Roma e Milano. In due giorni Fiore è stato visto da poco più di 1300 spettatori ed ha rastrellato 8 mila euro. Numeri modesti hanno fatto registrare Colonia, che pure in Germania era stato un successo, solo 8,6 mila euro incassati con 113 copie; Fraulein-Una fiaba d’inverno poco più di 2 mila euro per 26 schermi occupati ed anche il bellissimo Tangerines che, con le 12 copie in programmazione, ha richiamato in sala solo 813 spettatori. Insomma, anche a causa dell’uscita ogni settimana di un numero esagerato di film, per i titoli commercialmente più fragili diventa sempre più complicato farsi notare.