“FINO ALL’ULTIMA STACCATA”: BRAD PITT RACCONTA LA MOTOGP

Sudore, sangue, follia e razionalità, frullati insieme a 300 km/h. È la MotoGP del documentario Fino all’ultima staccata, arrivato in Home video, diretto da Mark Neale e narrato da una voce esclusiva: Brad Pitt.

Fino all'ultima staccataSi inizia da ragazzini, su quelle motociclette talmente compatte da poterle tenere in braccio. Sempre e solo in due: il motociclista e il caposquadra – che spesso non è altro che il papà del piccolo corridore – a 30 km/h, nel giardino di casa, in un tracciato fatto da vecchi copertoni e un po’ di fantasia. Ma, inevitabilmente, si cresce, i giri del motore vengono quintuplicati, il brusio attorno sale esponenzialmente e, quel sogno infantile, forse, diventa realtà, immerso in un mondo fatto di asfalto, follia ed esaltazione. L’obbiettivo, però, è sempre e solo uno: vincere. Magari restando in equilibrio, senza esitare mai, senza dubitare di nulla, con un occhio al contachilometri e con il cuore slegato dal petto.

Fino all'ultima staccataIl mondo della MotoGP, dunque, viene cinematograficamente rivelato dall’esperto regista Mark Neale (ha già diretto sull’argomento Faster, The Doctor, the Tornado and the Kentucky Kid e Fastest) nel suo adrenalinico documentario arrivato in Home video (edito dalla Universal) Fino all’ultima staccata (Hitting the Apex), prodotto e, soprattutto, narrato da un volto, anzi, da una voce speciale: Brad Pitt. L’attore, amante delle corse motociclistiche e fan del ”nostro” Valentino Rossi (ad agosto, insieme ai suoi figli, ha fatto visita ai box Yamaha, in occasione del Gran Premio di Silverstone), dopo aver collaborato negli scorsi anni come produttore in altri tre interessanti e premiati documentari (Big Men, The House I Live In e God Grew Tired of Us: The Story of Lost Boys of Sudan) racconta, con voce calda e appassionata, cosa lega la testa dei piloti ai loro pistoni, in un circuito interiore che ha le sue regole, le sue esaltazioni e le sue debolezze. Proprio Vale ”The Doctor” Rossi è uno dei sei piloti protagonisti dell’opera di Neale; con lui, anche le storie di Marc Marquez, Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa, Casey Stoner e Marco Simoncelli, l’altro ”nostro” casco scomparso troppo presto e troppo tragicamente.

Fino all'ultima staccataIn Fino all’ultima staccata c’è il taglio documentaristico ma anche quello drammaturgico di racchiudere, tra il passato sgranato dei piloti e il loro futuro che sfida la morte, un percorso narrativo che diventa reale e scellerato, capace di conquistare – facendoli volare – pure gli spettatori meno avvezzi ad uno sport che ha le peculiarità della vita: consapevolezza, passione, coraggio, risolutezza e una buona dose di incoscienza. È una questione di attimi e decisioni, pista dopo pista, sorpasso dopo sorpasso, in un’esperienza visiva e sonora emozionante, che alterna interviste ai professionisti, cronaca da pre-gara, acciaio, curve e cadute, tutto in una frazione di secondo, tutto direttamente proporzionale all’ambizione dei piloti, che si lasciano alle spalle la polvere, le scintille o il suono gioioso del trionfo che gli regala l’immortalità come divinità su due ruote.

Damiano Panattoni

 

SCHEDA TECNICA

Fino all'ultima staccataHitting the Appex USA, 2015 Regia Mark Neale Interpreti Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Casey Stoner Etichetta Universal Pictures Dati Tecnici Audio 5.1, Video 1.85:1 Edizione Italiano, Inglese Sottotitoli Italiano Durata 1h e 59′

Contenuti speciali

• La Fondazione Marco Simoncelli
• Aria
• Al rallentatore
• Il Copyright del Cavatappi