Gloria Mundi, Robert Guédiguian porta in concorso un dramma corale sullo sfondo della crisi economica

gloria mundi

Robert Guédiguian e Ariane Ascaride: la coppia di ferro del cinema francese. Lui regista, lei protagonista di venti dei ventuno film del marito (l’unica eccezione è stata Le passeggiate al Campo di Marte del 2005), sono un team artistico e sentimentale fin dai tempi dell’Università. Va anche detto che il regista tende a scritturare sempre, o quasi, lo stesso gruppo di attori (non è solo la moglie a ricorrere nei suoi cast) avendo creato l’equivalente cinematografico di una affiatata compagnia teatrale, anche perché dal teatro proviene la maggior parte degli interpreti.

gloria mundi

Una scelta quest’ultima che il regista, anche sceneggiatore dei suoi film (in Gloria Mundi lo affianca nella scrittura Serge Valletti), spiega così: «Gli attori teatrali sono persone che hanno un profondo amore e rispetto per il testo. Quel che mi piace nel lavorare con loro è riuscire a fare in modo che il copione si trasformi in qualcosa di autentico e naturale, pur conservando la sua risonanza intellettuale. L’obiettivo è ottenere una lettura a più livelli». Dopo La casa sul mare del 2017, dove Guédiguian metteva in scena il ritorno di due fratelli e una sorella nella casa natale per assistere il padre colpito da un ictus, anche in Gloria Mundi il cardine della narrazione sono i legami famigliari.

gloria mundi

Qui Daniel (Gérard Meylan), appena uscito da una lunga prigionia a seguito di una condanna, torna a Marsiglia. La sua ex moglie (Ariane Ascaride) lo ha avvertito che è diventato nonno, perché sua figlia, Mathilda (Anaïs Demoustier), ha dato alla luce Gloria. Ma Daniel scopre ben presto che la sua famiglia è oppressa da forti problemi economici: Mathilda è un’assistente alle vendite in prova e suo marito Nicolas un autista privato che una notte è assalito da un tassista, che lo considera un concorrente sleale. A questo punto Daniel fa di tutto per aiutare i suoi cari. La scelta stilistica del regista nel raccontare simili storie è di un rigore assoluto perché, dice lui, «la semplicità è sempre una cosa cui tendere. È una mia preoccupazione costante, che non può essere teorizzata. Lo scopo è cercare di fare il gesto più semplice possibile, come fosse un disegno». «Penso a registi come John Ford, che ha fatto più di cinquanta film apparentemente “semplici” – conclude Guédiguian – o anche a Ozu: sono autori molto diversi, uno raccontava il West, l’altro scene di vita quotidiana a Tokyo, eppure hanno in comune l’aver saputo quasi cancellarsi nelle storie che narravano. Io continuo ad amare il cinema che non si compiace e che “nasconde” la messa in scena».

Oscar Cosulich