Good Omens, Michael Sheen, David Tennant e Jon Hamm nella serie comedy tratta dal romanzo di Neil Gaiman

Good Omens

«Il mondo finirà sabato. Sabato prossimo. Subito prima di cena». È Ia profezia bella e accurata della strega Agnes Nutter che dà il via a certi importanti accadimenti» in Good Omens. La nuova serie originale di Amazon Prime Video, disponibile in streaming dal 31 maggio, è tratta dall’omonimo romanzo di Neil Gaiman e Terry Pratchett pubblicato nel 1990. 

«All’epoca il libro è diventato subito un cult», spiega Gaiman che dello show è autore e anche produttore esecutivo. «Per anni abbiamo cercato di farne un film. Terry Gilliam era molto interessato all’idea (il regista avrebbe voluto portare la storia sul grande schermo con Johnny Depp e Robin Williams, Nda), ma alla fine nessun progetto è andato in porto. Nel 2014 poi Pratchett era molto malato e mi ha scritto una lettera piena di affetto. Non voleva che abbandonassi questa impresa. Così ho pensato a un progetto televisivo. Ho lavorato per diciotto mesi alla stesura della sceneggiatura di sei episodi».

 

A quel punto è arrivata Amazon, con cui Gaiman aveva già realizzato la serie American Gods, tratta da un altro suo bestseller. Durante i successivi otto mesi la produzione di Good Omens ha affrontato il passaggio più delicato, ovvero, trovare le due anime dello show: il puntiglioso angelo Azraphael e il dissoluto demone Crowley. Alla fine la scelta è ricaduta rispettivamente su Michael Sheen e David Tennant. « Avevamo già lavorato nel film Bright Young Things, ma non avevamo recitato insieme», ricorda Sheen, felice di aver condiviso ancora una volta la scena con Tennant. E proprio quest’ultimo
svela: «È stato un azzardo. La storia dipende dal legame tra i personaggi, che sono eternamente codipendenti. Sarebbe stato orribile, se non avessimo trovato la giusta
sintonia tra noi attori». Aziraphale e Crowley sono infatti amici da millenni, amano vivere sulla Terra e per scongiurare l’Apocalisse dovranno rintracciare l’Anticristo, un ragazzino di undici anni.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

The countdown to Armageddon has begun. Where will you be on May 31? (#GoodOmens artwork courtesy of @RoryKurtz).

Un post condiviso da @ goodomensprime in data:

A fare da terzo incomodo c’è però l’arcangelo Gabriele, un personaggio inedito rispetto al romanzo.Doveva essere l’angelo più bello, cool e irritante che si potesse immaginare e così ho pensato a Jon Hamm!», scherza Gaiman. E l’ex Don Draper di Mad Men non ci ha pensato due volte prima di accettare il ruolo: «Sono un fan di Neil. Avevo letto il libro e adorato il tono leggero con cui affronta un tema serio come la fine del mondo». L’umorismo british e la satira sono la quintessenza dello show, che con spirito dissacrante dà a Satana la voce di Benedict Cumberbatch mentre Dio si esprime con l’accento americano di Frances McDormand. Ma la vera sfida è stata dare vita sul piccolo schermo al mondo letterario creato dallo scrittore.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Armageddon will start on time thanks to this archangel. Jon Hamm is Gabriel in #GoodOmens.

Un post condiviso da @ goodomensprime in data:

Per farlo il regista Douglas Mackinnon ha guidato le riprese per 120 giorni tra decine di location sparse tra la Gran Bretagna e il Sudafrica.Ho sempre portato con me il libro perché volevo rispettare la storia e poi ho lavorato fianco a fianco con Neil anche in sala
montaggio». Tutti hanno sempre avuto la consapevolezza che là fuori ci sono milioni di fan pronti a scatenare davvero la fine del mondo se Good Omens non sarà all’altezza delle
aspettative. Ma Gaiman assicura: «La serie è fedele al romanzo. Celebra l’umanità, l’amicizia e le persone. Le sorprese però non mancheranno, ci sarà da divertirsi!».