Greenland, buona partenza al box office per il disaster movie con Gerard Butler

Debutta al primo posto nella classifica del box office italiano Greenland, il disaster movie diretto da Ric Roman Waugh, nonché l’unico blockbuster hollywoodiano a tentare l’uscita in sala queste settimane. Con 91mila euro e quasi 15mila presenze fatti registrare nel primo giorno di programmazione, giovedì 8 ottobre, il film regala un bel dato a fronte del notevole calo di tutti gli altri titoli in top ten e fa ben sperare in vista del week-end.

Benvenuti nel mondo di Greenland

«Negli altri film catastrofici, puoi scegliere se concentrarti su un mostro, dedicare tempo agli effetti speciali, o impegnarti nella protezione di personalità pubbliche, come ad esempio il presidente», dice Gerald Butler parlando di Greenland, «qui, invece il livello è profondamente intimo: il film inizia quasi come un dramma familiare, con un marito e una moglie che cercano di far funzionare le cose e vedere se riescono a trovare un modo per superare le difficoltà del matrimonio mentre proteggono il loro bambino. La cometa è solo qualcosa sullo sfondo ma, proprio com’è successo con la pandemia, all’inizio senti solo cose che accadono in un altro paese, poi ogni giorno il problema diventa sempre più grande, fino a quando colpisce non solo noi, ma il mondo intero». Benvenuti nel mondo di Greenland, il primo film catastrofico uscito dopo lo scoppio della pandemia, dove per l’umanità sta per scoccare l’ultima ora: mentre diverse città in tutto il mondo sono rase al suolo dai frammenti di una cometa, il conto alla rovescia per l’apocalisse globale causata dall’impatto del corpo principale della stessa è ormai prossimo allo zero.

Per questa ennesima catastrofe planetaria si è ricreato il collaudato team tra il regista Ric Roman Waugh e l’attore Gerald Butler, già artefici di Attacco al potere 3 – Angel Has Fallen, terzo capitolo dedicato alle superomistiche gesta dell’agente del Secret Service Mike Banning (Butler). Questa volta Butler non è un super-agente, il suo John Garrity è un uomo normale che tenta il tutto per tutto per salvare almeno la sua famiglia, raggiungendo quei bunker allestiti in Groenlandia che dovrebbero garantire la salvezza dal catastrofico impatto con la cometa. Al suo fianco l’ex moglie Allison (Morena Baccarin) e il figlio Nathan (il piccolo Roger Dale Floyd), in un viaggio impossibile verso la salvezza.

Dopo Olympus Has Fallen, London Has Fallen e Angel Has Fallen (sono i titoli originali della trilogia Attacco al potere), insomma, questa volta per Butler A Comet Has Fallen e la sfida si fa decisamente più dura.

Testo di Oscar Cosulich