IL CONDOMINIO DEI CUORI INFRANTI

Asphalte, Francia, 2015 Regia Samuel Benchetrit Interpreti Isabelle Huppert, Gustave Kervern, Valeria Bruni-Tedeschi, Michael Pitt, Jules Benchetrit, Tassadit Mandi Distribuzione Cinema Durata 1h e 40′

In sala dal 

24 marzo

Un condominio in un complesso periferico di case popolari. Un ascensore in panne. Tre incontri. Sei personaggi. Stemkowtiz abbandonerà la sua sedia a rotelle per trovare l’amore di un’infermiera che fa il turno di notte? Charly, l’adolescente abbandonato a sé stesso, riuscirà a fare ottenere un ruolo a Jeanne Meyer, attrice famosa negli anni ’80? E cosa ne sarà di John McKenzie, astronauta della NASA caduto dal cielo e accolto e accudito dalla Signora Hamida?

Con questo film (il cui titolo italiano rischia di essere assai fuorviante) tratto da due dei racconti Les Chroniques de L’Asphalte scritti dal regista stesso nel 2005, Samuel Benchetrit fotografa le grigie banlieu parigine attraverso personaggi che mai ci aspetteremmo di incontrare in un condominio di periferia, attraversata da un forte senso di solidarietà. Come un’attrice o un’astronauta, quasi degli alieni su un pianeta sconosciuto. Sei personaggi stralunati e solitari, tre strane coppie e altrettante tragicomiche storie di caduta – dal cielo, da un piedistallo, da una sedia a rotelle – e di rinascita. Un raffinatissimo e sorprendente racconto di emarginazione, lontano da stereotipi e sentimentalismi, fatto di sguardi e silenzi, dolori nascosti e impalpabile leggerezza, lunghi piani sequenza, atmosfere spesso surreali e sospese, poesia e ironico distacco. Charly, l’adolescente abbandonato a se stesso, è interpretato dal talentuoso Jules Benchetrit, figlio del regista e di Marie Trintignant, uccisa nel 2003 dalle percosse del fidanzato Bertrand Cantat, cantante dei Noir Désir. Il film che Charly e la Huppert guardano, ribattezzato La donna senza braccia, è il realtà La merlettaia.

Alessandra De Luca