Killing Eve, la seconda stagione conferma l’ottima qualità dello show

Killing Eve

«Il miglior show del 2018» Killing Eve torna l’8 aprile. E il primo episodio della nuova stagione, disponibile in esclusiva per l’Italia su Timvision, conferma l’altissima qualità della serie creata Phoebe Waller-Bridge e tratta dai romanzi di Luke Jennings.

Killing Eve infatti ricomincia esattamente dove l’avevamo lasciata o meglio 30 secondi (un salto temporale ridicolo quanto divertente) dopo la fine della prima stagione. [ATTENZIONE SPOILER] Eve (Sandra Oh) ha pugnalato Villanelle (Jodie Comer) ed è spaventata perché non sa se la serial killer sia viva o morta. A quel punto i destini delle due donne si dividono: Villanelle riuscirà faticosamente a farsi ricoverare in ospedale (bugie, sotterfugi e dark humor non mancheranno) mentre Eve dovrà fare i conti con i sensi di colpa e l’ingombrante presenza di Carolyn Martens (Fiona Shaw) pronta a coinvolgerla in nuove indagini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

We’ve been waiting for you. The #KillingEve Season 2 Premiere starts NOW at 8pm on @bbcamerica 💋

Un post condiviso da Killing Eve (@killingeve) in data:

Il gioco del gatto e del topo quindi ricomincia in una spy story che ci terrà ancora con il fiato sospeso. La serie infatti non ha perso un briciolo della sua forza, dimostrandosi brillante e originale. Ogni prospettiva viene continuamente ribaltata e così le sorprese per il pubblico sono sempre dietro l’angolo. Le donne poi sono le protagoniste assolute di Killing Eve e Sandra Oh e Jodie Comer offrono due straordinarie interpretazioni: Eve e Villanelle sono personaggi pieni di sfumature, complessi e mai banali. Ossessionate l’una dall’altra, le due mantengono una buona dose di umanità e diventano protagoniste di sequenze sorprendentemente esilaranti: provate a rubare una caramella a Eve o a fidarvi di Villanelle. Forse le cose potrebbero mettersi male per voi, ma lo spettacolo è certamente garantito per gli spettatori.