L’Academy valuta il rinvio degli Oscar 2021

Secondo quanto riporta Variety, l'emergenza Covid starebbe meditando di posticipare la data dei premi

A seguito della pandemia da coronavirus, l’Academy valuta il rinvio degli Oscar 2021. La “notte delle stelle”  è tuttora in calendario per il 28 febbraio, ma le molte incertezze legate all’andamento dei contagi stanno inducendo a ripensamenti. Lo scrive in esclusiva Variety.

Non ci sono ancora piani concreti, hanno detto le fonti parlando protette dall’anonimato, “ma è probabile che la cerimonia sarà rinviata”. Si precisa anche che tutti i particolari, tra cui possibili nuove date, non sono stati ancora esaminati. Quando in aprile aveva annunciato nuove regole temporanee per le candidature agli Oscar 2021, il presidente dell’Academy David Rubin aveva detto a “Variety” che era troppo presto per sapere come la serata sarebbe cambiata alla luce dell’epidemia.

“E’ impossibile prevedere oggi quale sarà il panorama. Sappiamo che vogliamo celebrare i film, ma non sappiamo ancora bene in che forma”. Non è solo una questione di sicurezza per le migliaia di divi che ogni anno in febbraio affollano il Dolby Theater per la cerimonia trasmessa in diretta sulla Abc, un affare da decine di milioni di dollari per l’Academy. Red carpet a parte, la notte delle stelle potrebbe in realtà andare avanti come previsto anche a sala vuota. C’è poi la questione delle tante produzioni bloccate, o dei film non usciti in sala.

L’Academy, che finora era stata irremovibile, ha allentato le regole per l’ammissibilità delle candidature, ma il trend potrebbe essere destinato a durare. Sempre Variety ha rivelato che uno stupefacente 70 per cento degli spettatori Usa dà il benvenuto al pay-per-view e allo streaming: meglio sul divano di casa che nelle sale, a rischio della salute.

Agli Oscar 2021 anche i film non usciti in sala