“AMY”: IL PRIMO TRAILER DEL DOCUMENTARIO SU AMY WINEHOUSE

amy winehouse«Cantare è qualcosa che è sempre stato importante per me ma non ho mai pensato che sarei finita a fare la cantautrice. […] Non credo che diventerò mai davvero famosa. Non sarei in grado di gestirlo. Credo che impazzirei. ». Mentre scorrono le immagini di una giovanissima Amy Winehouse ripresa in filmini casalinghi, la sua voce, accompagnata dalle note rallentate di Back To Black, confida i suoi pensieri e le sue paure in un’intervista rilasciata ai tempi di Frank, il suo esordio discografico prettamente jazz, quando ancora non immaginava di diventare l’interprete femminile più acclamata del primo decennio degli anni 2000.

Solo di ieri è la notizia che la A24, già sulle orme di The End of The Tour, pellicola dedicata a David Foster Wallace, ha ottenuto i diritti di distribuzione di Amy, il documentario ufficiale dedicato ad Amy Winehouse e realizzato da Asif Kapaida. Neanche ventiquattro ore dopo, lo stesso regista ha rilasciato il primo trailer di quello che si appresta a divenire uno dei prodotti cinematografici più attesi dei prossimi mesi, tanto da essere confermata una sua proiezione al prossimo Festival di Cannes.

Prodotto da James Gay-Rees, Amy si concentrerà nel descrivere la vita privata a professionale della Winehouse raccontata dalla sua stessa voce, nel tipico accento di Camden Town, grazie ad interviste rilasciate nel corso degli anni e materiale inedito fatto di filmini, immagini e tracce musicali mai prima d’ora pubblicate. Una mappa della sua vita che Kapaida riassembla per mostrarci la vera Winehouse, dagli esordi alla fama mondiale fino al tragico epilogo consumatosi il 23 luglio del 2011, quando la cantautrice fu trovata senza vita nella sua casa londinese.

Manuela Santacatterina

Guarda il trailer!

Nessun Articolo da visualizzare