“LA GIOVINEZZA” DI SORRENTINO ESCE IL 21 MAGGIO E PUNTA A CANNES

Dopo aver vinto praticamente tutto quello che c’era da vincere con La grande bellezza (Oscar, Golden Globe, BAFTA e Nastri d’Argento), Paolo Sorrentino non ha avuto quella sorta di “sindrome da pancia piena” che a volte colpisce gli autori che, una volta arrivati al top, hanno bisogno di stare lontani dalle scene per un lungo periodo e smaltire la “sbornia” del successo (come James Cameron che, dopo gli 11 Premi Oscar di Titanic, è tornato alla regia solo 7 anni più tardi, o Roberto Benigni, che si è preso una pausa di 5 anni dopo il successo de La vita è bella). Sorrentino invece si è messo subito a lavoro su un nuovo progetto, intitolato La giovinezza, che ha finalmente una data di uscita ufficiale: il 21 maggio prossimo. A differenza de La Grande Bellezza (che riuniva molti dei volti più noti del cinema italiano), il nuovo film del regista e sceneggiatore napoletano, il secondo in lingua inglese dopo This Must Be The Place, punta tutto su un cast internazionale di altissimo livello (Michael Caine, Harvey Keitel, Rachel Weisz, Paul Dano, Jane Fonda e Willem Dafoe). La storia è quella dell’ottantenne direttore d’orchestra Fred Ballinger (interpretato da Caine) che, durante una vacanza in montagna in compagnia della figlia e di un vecchio amico regista alle prese con il copione del suo ultimo film, riceve da un emissario della regina Elisabetta l’offerta di dirigere un concerto, che si terrà a Buckingham Palace, in onore del principe Filippo. Ma l’anziano direttore non sa se accettare, ha rinunciato alla musica da tanto e non sa se è ancora all’altezza della situazione.

La giovinezza è una co-produzione tra l’italiana Medusa (che si occuperà anche della distribuzione), la svizzera C-Films, le francesi Bis Films e Pathé e l’inglese Number 9 Films. Il film verrà distribuito, oltre che in Italia, anche in Francia, Germania, Spagna e Gran Bretagna. E con l’uscita fissata in primavera, siamo certi che Sorrentino punterà a sfilare anche sulla passerella del prossimo Festival di Cannes.

Daniele Pugliese