“AGENT CARTER”: LA NUOVA SERIE TV MARVEL TRA ROSSETTO E PALLOTTOLE

È partita il 6 gennaio negli States la serie televisiva Marvel Agent Carter, incentrata sulla figura di Peggy Carter che, in seguito alla fine della Seconda Guerra Mondiale, darà vita all’organizzazione segreta dello S.H.I.E.L.D.. Nel cast Hayley Atwell, Dominc Copper e James D’Arcy

new-agent-carterÈ il 1946, l’incubo della Seconda Guerra Mondiale è finito, portando con sé gli strascichi di una ricostruzione difficoltosa ma, ciononostante, ricca di speranza. Gli Alleati sono tornati oltre Oceano e, tra loro, c’è anche Peggy Carter, rientrata in patria con una medaglia in più ma con un amore in meno, rimasto congelato nell’Artico insieme ad un appuntamento rimandato di settant’anni e uno scudo indistruttibile. Peggy, tra scartoffie e telefonate, ben lontane dall’azione e dal campo, ora lavora per la RSS, bistrattata da un ufficio maschilista e ignaro che, di lì a poco, insieme ad Howard Stark, papà del corazzato Tony, metterà la prima pietra per costruire quello che sarà l’odierno S.H.I.E.L.D., la divisione governativa segreta atta a proteggere il mondo dalle forze del Male e, per certi versi, da se stesso. Infatti, proprio Howard, contatta Peggy, affidandola al suo fedele maggiordomo Jarvis e incaricandola di una missione top secret in cui sono in gioco alleanze oscure e armi finite nelle mani sbagliate. Un’altra guerra, dunque, sembra appena iniziata.

È questo il plot di Now is Not the End, la prima puntata di Agent Carter, la nuova serie TV targata Marvel e iniziata il 6 gennaio sul canale statunitense ABC. La series, che si compone di otto episodi, va a colmare la pausa invernale lasciata dall’altro prodotto televisivo di casa Marvel, Agents of S.H.I.E.L.D., ampliando maggiormente un universo che, partendo dai fumetti, ha letteralmente invaso di supereroi sia il cinema che il piccolo schermo, dando vita ad un crossover senza precedenti. La serie Agent Carter, con questo pilot dal sapore noir e retrò che prepara il terreno ai toni moderni e sofisticati dello S.H.I.E.L.D., è stata creata da Christopher Markus e Stephen McFeely, gli stessi sceneggiatori di Captain America – The Winter Soldier e, nel corso degli episodi, si alterneranno alla regia Joe Johnston e i fratelli Russo – nomi legati ai film di Captain America – sottolineando l’importanza di una delle figure più amate dei cinecomic Marvel: quella Peggy Carter, interpretata dalla bellissima Hayley Atwell, prima donna che soldatessa, coraggiosa ma sperduta in un post-conflitto che ha più ombre che luci, vittima di una società in cui l’uomo vuol far da padrone a tutti i costi, sottovalutando non solo i rossetti e i tacchi alti ma l’intelligenza femminile capace, come in questo caso, di alternare cazzotti, senso del dovere, glamour e un pizzico di sensualità.

Agent-CarterIl primo episodio, diretto da Louis D’Esposito, produttore esecutivo di tutti i cinecomic Marvel, si avvale della guest star Dominc Cooper che torna, per l’appunto, nel ruolo di Howard Stark e, in più, verrà introdotto il personaggio di Jarvis, interpretato da James D’Arcy. Jarvis, successivamente e cinematograficamente parlando, sarà l’intelligenza artificiale nei film di Iron Man e nel prossimo, attesissimo, Avengers – Age of Ultron. Nel cast di Agent Carter compariranno anche Chad Michael Murray, Shea Whigham, Lyndsy Fonseca e Costa Ronin, che darà il volto ad Anton Vanko, padre del cattivo Ivan, apparso in Iron Man 2.

Agent Carter è, dunque, una celebrazione della femminilità e, per giunta, è il primo prodotto Marvel Entertainment incentrato completamente su una donna in cui, nonostante il suo ruolo ”da dura”, sempre pronta alla pistola e all’astuzia, viene fuori tutta la vulnerabilità di un personaggio diviso tra un lavoro pericoloso e una vita privata dove la costante e preminente presenza/assenza di Steve Rogers aleggia nelle sue decisioni. Peggy Carter è una donna senza dubbio contemporanea e nella serie, oltre che combattere i cattivi, cerca una connessione con gli altri, stessa cosa che farà la squadra di Phil Coulson proprio in Agents of S.H.I.E.L.D.. Le due serie sono certamente accomunate ma, da questo primo episodio di Agent Carter, è chiara la base che la Marvel ha voluto dare al prodotto, cavalcando il fascino del passato ma restando legata alla modernità, bilanciando il tutto con humour, azione e rossetto più vermiglio che mai.

Damiano Panattoni

Nessun Articolo da visualizzare