BOX OFFICE USA: KATNISS BATTE BOND

Katniss Everdeen è tornata per portare a termine la rivolta e Hunger Games: Il Canto della Rivolta-Parte 2 ha vinto il weekend con numeri importanti (101 milioni di dolalri casalinghi e 247 in tutto il mondo). A voler essere pignoli, però, notiamo che il capitolo conclusivo della saga (prequel e spin-off permettendo) ha incassato ben 20 milioni in meno della Parte 1 negli Usa e 28 in meno worldwide. Una situazione che certamente non può preoccupare i produttori (la serie ha già portato nelle casse della Lionsgate oltre 2.5 miliardi di dollari), ma che comunque resta anomala (basti pensare che le seconde parti di Harry Potter e i doni della morte e The Twilight Saga: Breaking Dawn avevano, all’esordio, incassato di più delle prime parti). Spectre scivola in seconda posizione con 14.6 milioni e 153.7 totali (dovrà faticare più del previsto per raggiungere i 200 milioni casalinghi). In tutto il mondo la ventiquattresima avventura di Bond supera lo step dei 650 milioni e arriva a 677 (attualmente è quinto nella speciale classifica dedicata ai film di 007). In terza posizione troviamo Snoopy & Friends: il film dei Peanuts. Il calo è contenuto (46 %) e con i 12.8 milioni del weekend raggiunge quota 98.9.
In quarta posizione fa il suo esordio la nuova commedia con Seth Rogen The Night Before (10.1 milioni di dollari) che precede un’altra new entry: Il segreto dei suoi occhi. Per il remake dell’omonimo film argentino del 2009 un debutto sottotono (6.6 milioni). Visto il cast (Julia Roberts, Nicole Kidman e Chiwetel Ejiofor) era lecito aspettarsi di più dal film di Billy Ray. Natale all’improvviso perde tre posizioni (dalla terza alla sesta) e incassa 3.9 milioni (quasi 15 complessivi). Sopravvissuto-The Martian, in Top Ten da oltre 50 giorni, è settimo con 3.7 milioni (213 totali e 486 worldwide). In ascesa Spotlight (passato dalle 61 alle 598 sale) ora ottavo con 3.6 milioni e 5.8 globali. Nona posizione per The 33 con 2.2 milioni e 9.9 totali e decima per Il Ponte delle Spie con 1.9 milioni. Il thriller-politico di Spielberg raggiunge i 65 milioni al domestic box office che diventano 85 con gli incassi internazionali. Fuori classifica segnaliamo che Maze Runner: La fuga ha superato i 300 milioni complessivi, mentre Everest ha toccato quota 200 milioni.

Daniele Pugliese

Nessun Articolo da visualizzare