CIAK BIZARRO! TALE OF TALES

DI MARCELLO GAROFALO

BIZ-IMAGES-91-Racconto-dei-racconti--w

Avete riconosciuto chi sembra salutare con la mano al centro del nostro composit fotografico dedicato a Il Racconto dei Racconti-Tale of Tales di Matteo Garrone in concorso al prossimo Festival di Cannes? E’ Franco Pistoni, un volto apprezzato dagli amanti del “Bizarro”, bravissimo attore di avanguardia teatrale, che ha preso parte a film quali Il nome della rosa, The Barbarians, Le vie del Signore sono finite, oggi molto noto anche come personaggio televisivo per la sua partecipazione, nel ruolo di “Lo iettatore”, al programma di Paolo Bonolis, Avanti un altro. Nel film di Matteo Garrone è una delle tante “facce forti” che il regista ha scelto personalmente per dare vita a questo “cine-affresco” ispirato a tre novelle del Pentamerone-Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile, che Benedetto Croce tradusse dal napoletano arcaico in lingua italiana e che definì come “il più antico, il più ricco e il più artistico fra tutti i libri di fiabe popolari”. Non sorprende che Garrone da sempre sensibile anche al fascino del “weirdo” (basti pensare a titoli quali L’imbalsamatore, Primo amore e Reality contenenti, ciascuno a suo modo, diversi “fattori X di Bizarro”), abbia voluto cimentarsi, dopo il successo mondiale di Gomorra, in qualcosa di sorprendente per lui e per gli spettatori, un film in costume ambientato nel Seicento, con un cast di caratura internazionale, girato in lingua inglese, fotografato dal grande Peter Suschitzy (noto soprattutto per la sua collaborazione fissa con David Cronenberg), co-sceneggiato dallo stesso regista col fido Ugo Chiti e con il sofisticato scrittore Edoardo Albinati, per mettere in scena – Garrone dixit – “un mondo in cui siano riassunti gli opposti della vita: l’ordinario e lo straordinario, il magico e il quotidiano, il regale e lo scurrile, il terribile e il soave”. Dal trailer possiamo già intravedere mostri marini albini o lumachiformi, ninfe dei boschi, streghe, orchi, principi, re e regine, nonché una temeraria Salma Hayek disponibile ad assaggiare il cuore di un drago per poter soddisfare superstiziosamente una esigenza di maternità. Per goderne tutti, non resta che attendere il 14maggio, data in cui è prevista l’uscita nelle nostre sale, dopo la presentazione al Festival di Cannes.

Nessun Articolo da visualizzare