FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2015: LE PRIME NOVITÀ DI UN’EDIZIONE RIVOLUZIONARIA

Il Festival del Cinema di Roma per la sua 10ª edizione torna ad essere una Festa, con tante novità, retrospettive e incontri internazionali

Mancano ancora diversi mesi alla 10ª Edizione della Festa del Cinema di Roma ma, questa mattina, nella cornice dell’Auditorium Parco della Musica e alla presenza del Presidente della Fondazione Cinema per Roma Piera Detassis, del direttore artistico Antonio Monda, del Sindaco Ignazio Marino, dell’assessore alla cultura Giovanna Marinelli e con il contributo di Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, è stato gettato uno sguardo su tutte le corpose novità che riguardano il Festival Capitolino, tornato ad essere, innanzitutto, una vera e propria Festa. Come prima cosa, ricalcando i festival d’oltre Oceano, sono state tolte le Giurie e le Sezioni, mentre il Concorso – relativo ad un numero massimo di 35 pellicole, tra anteprime mondiali e internazionali – sarà giudicato solo ed esclusivamente dal pubblico stesso.

Meno film e anche un giorno in meno di programmazione (dal 16 al 24 ottobre 2015) ma, e questa è la novità più interessante, moltissimi incontri in più. Tra quelli rivelati, tutti di altissimo livello, c’è il duetto tra Wes Anderson e il Premio Pulitzer Donna Tartt, messi in relazione con il loro amore per la cinematografia italiana; un altro duetto annunciato è quello tra Carlo Verdone e Paola Cortellesi, compagni di set in Sotto una Buona Stella. Di assoluto spessore l’incontro con il regista Premio Oscar William Friedkin e quello con Paolo Sorrentino che presenterà in anteprima mondiale 15 minuti del suo nuovo progetto.

Oltre i film presenti – che saranno di vario genere, dalle grandi produzioni agli indie – e gli incontri, la Festa del Cinema di Roma offrirà agli spettatori un omaggio curato da Mario Sesti e Matteo Cerami a Pier Paolo Pasolini, a quarant’anni dalla sua scomparsa, e ci saranno ben due retrospettive: una ad Antonio Pietrangeli (un mese dopo la stessa retrospettiva sarà spostata nientemeno che al MoMa di New York City) e un’altra ad un grande regista contemporaneo ancora top secret. Allestita, per l’appunto, negli spazi dell’Auditorium Parco della Musica, la Festa del Cinema si sposterà anche in altri luoghi di Roma, dal Museo Maxxi a varie sale del centro e della periferia, fino al Pigneto e Cinecittà. Il programma completo sarà reso noto il 29 settembre ma, nelle prossime settimane, saranno annunciate altre novità e soprattutto il film d’apertura di quella che si annuncia una rassegna rivoluzionaria, espansa a 360° con una formula unica che vuole unire il territorio, lo spettatore e il cinema, in qualunque sua forma e declinazione.

Damiano Panattoni

Nessun Articolo da visualizzare