FESTIVAL DEL CINEMA VINTAGE: IL CONTEST CHE CI RICORDA COME ERAVAMO

Il 7 e l’8 novembre riparte la quarta edizione del Festival del Cinema Vintage – Il Gusto della Memoria, la rassegna di film che trova ispirazione nelle immagini d’archivio, che si svolgerà a Roma, ad ingresso gratuito, presso il Cinema Trevi. Tra i titoli presenti anche Registro di classe di Gianni Amelio e Cecilia Pagliarani

Registro di classe
“Registro di classe” di Gianni Amelio e Cecilia Pagliarini

Manca davvero pochissimo all’inizio della decima edizione della Festa del Cinema di Roma e, tra i tanti titoli che la compongono, lunedì 19 ottobre sarà il turno di Registro di classe, il documentario realizzato a quattro mani da Gianni Amelio e Cecilia Pagliarani. Un viaggio lungo un secolo tra i banchi della scuola italiana, nel quale bambini, insegnanti e genitori provenienti da ogni angolo dello Stivale condividono i loro ricordi della scuola dell’obbligo, tra aspettative tradite, aneddoti e un ritratto del nostro Paese realizzato da un’angolazione inedita. Infatti il film oltre a farci ricordare i nostri di anni passati tra temutissime interrogazioni alla lavagna e note sul diario, permette di ricostruire una memoria collettiva che attraversa, indistintamente, l’Italia di ieri e di oggi, sebbene l’arco cronologico coperto dal documentario sia circoscritto ai primi sessant’anni del secolo scorso. Per chi non dovesse riuscire a vederlo tra le proiezioni allestite presso l’Auditorium Parco della Musica, nessun problema perché, sempre a Roma, il 7 e l’8 novembre 2015, al Cinema Trevi – a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti – si terrà la Quarta edizione del Festival di Cinema Vintage “Il gusto della memoria”, rassegna di film ispirati alle immagini d’archivio il cui tema di quest’anno è La Storia dal Basso.

Gusto della memoria 2015
Gusto della memoria 2015

Sabato 7 novembre sarà proiettato, tra gli altri, il documentario di Alessandro Piva, Pasta Nera, che, attraverso rari filmati e fotografie d’archivio, racconta uno dei migliori esempi di solidarietà tra Nord e Sud del nostro Paese, nell’immediato Dopoguerra. Domenica 8 novembre, invece, due proiezioni  accompagneranno i film in concorso: un’opera inedita ritrovata dai direttori del Festival, firmato da Carlo Ludovico Bragaglia e proprio Registro di Classe, il documentario di Gianni Amelio e Cecilia Pagliarani. Il Festival, diretto dalla montatrice e regista Cecilia Pagliarani e dall’artista Manuel Kleidman, ha ottenuto quest’anno il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e avrà come presidente di giuria il regista Pupi Avati, accompagnato da Roger Odin, Marco Giusti, Enrico Bufalini, Manuel Kleidman, Anaïs Rocca e Alessandro Santoni. Il contest è articolato in tre sezioni: Fiction, per cortometraggi della durata massima di 12 minuti; Documentari, per opere di reportage o di docufiction della durata massima di 30 minuti e infine la sezione Pubblicità, dedicata a spot pubblicitari per prodotti attuali o vintage, della durata massima di 45 secondi. Tutti i lavori contengono almeno il 60% di immagini d’archivio. Il Festival è organizzato dall’Associazione per la salvaguardia della memoria filmica amatoriale Come Eravamo, in collaborazione con l’archivio di cinema amatoriale nosarchives.com.

Manuela Santacatterina

Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale! 

 

Nessun Articolo da visualizzare