GENDER BENDER: AL VIA LA 14° EDIZIONE

Mai come quest’anno Gender Bender, il festival di arti e culture contemporanee ideato e diretto da Daniele Del Pozzo, sceglie di puntare sul corpo, sulle sue rappresentazioni e sul suo rapporto con le identità. La 14° edizione del festival, in programma a Bologna dal 26 ottobre al 6 novembre 2016, porterà in città, tra le tante cose, un numero significativo di prime nazionali – di danza, cinema, arti visive e performative – in grado di tracciare l’orizzonte vasto di una riflessione che coinvolge tanto il mondo degli intellettuali, degli artisti e degli accademici quanto l’esperienza quotidiana di ciascuno di noi. Gender Bender è prodotto da Il Cassero, il centro lgbt bolognese che da oltre trent’anni realizza progetti dedicati alle differenze di orientamento sessuale e identità di genere, sostiene l’autodeterminazione e mette in campo azioni di contrasto agli stereotipi e alle discriminazioni.

Corpo come rappresentazione ma anche come esperienza: tra le novità della 14° edizione di Gender Bender c’è Warm Up, una serie di workshop tenuti da alcuni coreografi ospiti e dedicati a piccoli gruppi di spettatori, guidati a provare alcuni semplici passi che vedranno poi replicati in maniera compiuta sulla scena. A danzatori professionisti e non professionisti è invece dedicato il programma di masterclass che completano il cartellone della danza. Tra i tanti titoli in programma al cinema, segnaliamo la prima nazionale di Hamlet, la versione per il grande schermo dello spettacolo di Shakespeare portato magistralmente in scena da una straordinaria Maxine Peake, nel ruolo del Principe di Danimarca. Anche quest’anno la sezione Cinema sarà affiancata da Same Same But Different, la selezione di cortometraggi e documentari sull’educazione alle differenze, dedicata agli studenti delle scuole superiori di Bologna.

Da non perdere, inoltre, la mostra Out Frames. Scatti dal mondo selezionati dal Pride Photo Award di Amsterdam, l’esito di un contest fotografico internazionale, promosso dall’omonima fondazione con sede ad Amsterdam, dedicato alla rappresentazione delle identità di genere, che ha coinvolto fotografi da tutto il mondo nella raccolta di immagini di persone appartenenti alla comunità LGBT. Una selezione di tali immagini sarà esposta al MAMbo Museo d’Arte Moderna di Bologna, in contemporanea con l’evento David Bowie Is, la grande esposizione dedicata al duca bianco che incontrerà Gender Bender anche nella sezione musica: si chiama Rebel Rebel infatti il contest live di band che il festival organizza come tributo all’icona recentemente scomparsa e all’evento che la celebra a Bologna.

Per maggiori info vai al sito ufficiale di Gender Bender!

Nessun Articolo da visualizzare