IL PULP ARRIVA A TORINO: INCONTRO CON JOE R. LANSDALE

Joe R. Lansdale, accompagnato dalla produttrice Linda Scotte e dal regista Jim Mickle, ha presentato al Torino Film Festival Cold in July, l’adattamento cinematografico di uno dei suoi più celebri romanzi

Â«È la terza volta che vengo qui, è bellissimo, continuate ad invitarmi! », ha detto entusiasta Joe R. Lansdale. Infatti, dopo averlo voluto in giuria nell’edizione 2010, il Torino Film Festival ha chiamato ancora una volta uno dei più grandi scrittori americani contemporanei, in occasione della retrospettiva su Jim Mickle, regista dell’adattamento cinematografico di Cold in July, l’omonimo romanzo di Lansdale. Capace di alternare i generi, gli spazi e il tempo narrativo, Lansdale è conosciuto e amatissimo in Italia, grazie al suo carattere solare, disponibile e bonario. Ma, proprio come fosse un personaggio dei suoi libri, attenti a non farlo arrabbiare: è maestro di Maverick Kenpo, una disciplina di lotta che fonde Tae Kwon Do e il Ju-jitsu.

Lo scrittore, accolto da una folla di fan e appassionati, ha introdotto la proiezione di Cold in July al fianco della produttrice Linda Scott e dello stesso Jim Mickle. «Joe ha creduto in noi e in questa opzione, il progetto è partito nel 2007, la genesi è stata lunga ma ne è valsa la pena », ha dichiarato la Scott, anticipando l’entusiasmo di Mickle: «Ringrazio la Movies Inspired, distribuzione italiana del film, e il Torino Film Festival. Siete numerosissimi e questo ci da l’opportunità di andare avanti. Tutti sappiamo che nei romanzi di Joe ci sono tantissimi elementi, quanti generi attraversa e quante storie vengono descritte. Questo film cerca di collezionare tutto il suo stile narrativo e, chi scopre Joe questa sera, ne resterà sicuramente abbagliato ».
Lo storyteller che ha definito ”Il Texas uno stato mentale”, è arrivato a Torino con tutta la famiglia, amalgamandosi completamente con il suo pubblico: «Sono qui con tutta la mia famiglia, al completo, continuiamo a venire sempre più numerosi. Per quanto riguarda il film il merito va tutto a Linda e Jim che hanno creduto nel progetto, nonostante tutto questo tempo ». Lansdale, autore di opere come La Notte del Drive-In, Il Lato Oscuro dell’Anima e Cielo di Sabbia, è anche il creatore dei celebri personaggi Hap e Leonard, protagonisti cult di una serie di libri. E, proprio a riguardo dell’attesissima serie TV che riprende le scellerate avventure della coppia, arriva la notizia bomba: «Vi do un’anticipazione: Linda Scott sarà la produttrice, mentre Jim Mickle si occuperà della regia della serie tratta da i miei Hap e Leonard. La produzione partirà nella seconda metà del 2015. Grazie, grazie, grazie per leggere i miei libri ».

Invece, per quanto riguarda Cold in July, il film è senza dubbio uno dei colpi di fulmine del TFF32, nonché rivelazione alla scorsa Quinzaine des Réalisateurs a Cannes,è il quarto film di Mickle – dopo i brillanti Stake Land e We Are What We Are – ed è la seconda pellicola tratta da un libro di Lansdale, a più di dieci anni dal precedente Bubba Ho-Tep che aveva per protagonista un Bruce Campbell versione Elvis. Questa volta però i toni si fanno più dark, oscuri e violenti: l’opera, che riesce per immagini a tradurre le parole dello scrittore texano, racconta la storia di Richard, un uomo qualunque che, dopo aver sparato ad un ladro intrufolatosi nella sua casa, si ritrova costretto a difendere la sua famiglia dalle minacce del padre, intento a vendicare la morte del figlio. Ma, come in ogni romanzo thriller che si rispetti, le cose non sono come sembrano e l’ombra è ancora più densa e intricata. Viene fuori che di mezzo c’è la polizia, che il cattivo non è poi così cattivo e che per risolvere un caso così ci vuole l’aiuto di uno specialista: l’investigatore privato Jim Bob Luke, uno dei personaggi più adorati dell’universo creato dall’autore americano. Il film, che è un affresco sulla gretta provincia americana di fine anni ’80, dove le armi sono dei fili conduttori e l’alienante normalità nasconde la ferocia del genere umano, è un susseguirsi di tensione, adrenalina, humour e pulp, tutti ingredienti fondamentali dello stile di Joe Lansdale, uniti ad una regia capace di trasmettere le stesse esplosive sensazioni racchiuse nella pagine del libro. Nel cast figurano Michael C. Hall nel ruolo del protagonista, un grandissimo Sam Shepard e un’iconico Don Johnson, nei panni di Jim Bob.

Cold in July, distribuito dalla Movies Inspired, non ha ancora una data di uscita italiana ma, visto il (meritato) successo che sta riscuotendo, non tarderà ad arrivare nelle nostre sale per far scoprire, a chi ancora non lo conosce, tutto il talento narrativo e creativo di Joe R. Lansdale.

Damiano Panattoni

 

Nessun Articolo da visualizzare