ROMAFICTIONFEST: LE PRIME NOVITÀ DELLA NONA EDIZIONE!

Lea di Marco Tulio Giordana, The Last Panthers con John Hurt e Little Steven presidente di giuria: le prime novità della nona edizione del RomaFictionFest!

The Last PanthrsLa Festa del Cinema di Roma si è conclusa da pochi giorni ma, intanto, la Capitale, si sta preparando ad un altro appuntamento, anch’esso rivoluzionato e dal forte respiro internazionale. Parliamo del RomaFictionFest che, dall’11 al 15 novembre, porterà nel centro della città le migliori serie televisive nazionali e mondiali. La rassegna, curata dall’Associazione Produttori Televisivi, prodotta da Fondazione Cinema per Roma e sotto il coordinamento artistico di Piera Detassis, si aprirà con la presentazione di Lea, diretto da Marco Tullio Giordana. Il regista de La meglio gioventù, dirige così per il piccolo schermo una storia ispirata alla vicenda drammaticamente vera di Lea Garofalo, uccisa dalla ‘ndrangheta nel 2009. Lea, per l’appunto, nel 2002 testimoniò sulle attività illegali del compagno di allora, Carlo Cosco. Purtroppo però sette anni più tardi, quando le fu revocato il programma di protezione, sparì a Milano, lasciando presagire un destino atroce. La figlia Denise, al tempo ancora minorenne, si costituì parte civile, testimoniando contro il padre, che tempo dopo rivelò di essere stato l’autore del sequestro e del relativo omicidio. Nel cast di Lea troviamo Vanessa Scalera, Linda Caridi, Alessio Praticò e Mauro Conte e, dopo aver inaugurato il FictionFest, andrà in onda su Rai Uno il 18 novembre.

little-steven-Tra le altre anticipazioni rivelate, quella che riguarda, sempre nel primo giorno del RomaFictionFest, quella relativa alla proiezione Fuori Concorso del pilot di The Last Panthers. La serie in questione, creata da Jack Thorne (l’autore di Skins e The Fades) è diretta da Johan Renck, apprezzato regista di alcuni dei videoclip di Madonna, Robbie Williams e Kyle Minogue. The Last Panthers è suddivisa in sei puntate, prodotte da Sky Atlantic UK e Canal +, con al centro della storia (anch’essa vera) una linea che lega la malavita organizzata di tutta Europa, fino a lucrare sulla guerra civile dell’ex-Jugoslavia. Ad interpretarla un grande cast: Samantha Morton, John Hurt e Tahra Rahim. Tutto sotto la sigla d’apertura composta da David Bowie. The Last Panthers andrà poi in onda dal 13 novembre su Sky Atlantic HD. Tra una serie e l’altra, il RomaFictionFest omaggia Sergio Sollima, da pochi mesi scomparso, con la maratona del suo famigerato, indimenticabile Sandokan. L’evento sarà presentato da suo figlio Stefano – attualmente in sala con Suburra – , da Kabir Bedi, l’iconico volto di Sandokan, e da Guido e Maurizio De Angelis, gli autori della sigla che tutti, generazione dopo generazione, hanno canticchiato.

logo-Tra le novità della nona edizione, oltre tenersi al Cinema Adriano e negli spazi limitrofi di Piazza Cavour, è il ritorno del Concorso Internazionale e, a presiedere la giuria, c’è il grande ”Little” Steven Van Zandt, chitarrista rock membro della storica E-Street Band di Bruce Springsteen. Little Steven conosce bene il piccolo schermo, dato che prese parte nella serie cult I Soprano e, recentemente, fu protagonista di Lilyhammer, spassosa serie realizzata da Netflix e ideata da lui. Altra novità, la sezione YAS (Young Adult Special), ovvero una selezione di serie tv e web dedicate al pubblico più giovane. In attesa del programma ufficiale che verrà rivelato il 3 novembre, ci sono Zio Gianni 2 di Sidney Sibilia e il documentario Animeland diretto da Francesco Chiatante e dedicato agli anime e ai cartoon giapponesi. Oltre il Concorso, il Fuori Concorso e YAS, il programma del RomaFictionFest si dividerà in Serial Crime, Period Drama, TV on Stage, Retrospettive e Kids&Teens. In più, nel corso della rassegna, ci saranno numerosi incontri, Masterclass e succosi eventi speciali.

Damiano Panattoni

Nessun Articolo da visualizzare