SCARLETT JOHANSSON È L’ATTRICE PIÙ REDDITIZIA DI HOLLYWOOD

Scarlett Johansson conquista il box office. 3 miliardi 332 milioni 83 mila e 523 dollari è la cifra che la incorona star più redditizia della storia di Hollywood secondo la classifica di Box Office Mojo. Unica donna, Scarlett si aggiudica il nono posto nella top ten dopo Harrison Ford (4,9 miliardi), Samuel L. Jackson (4,7 miliardi), Morgan Freeman (4,4 miliardi), Tom Hanks (4,3 miliardi), Robert Downey, Jr. (3,9 miliardi), Eddie Murphy (3,8 miliardi), Tom Cruise (3,6 miliardi) e a pari merito con Johnny Depp (3,3 miliardi) e Michael Caine. 

Scarlett Ingrid Johansson ama reinventarsi continuamente, sarà questo che fa di lei l’attrice più giovane della classifica ma con già 37 film sul curriculum. La diva anni ’50, vagamente ispirata a Esther Williams, campionessa di nuoto e attrice di film musicali con coreografie acquatiche, di Ave, Cesare! diretto dai fratelli Coen si è velocemente trasformata nella Vedova Nera di Captain America: Civil War, personaggio ricorrente da The Avengers. Ma la superwoman dell’Universo Marvel ha conquistato 126 milioni 663mila e 600 dollari, senza superpoteri e tutine sensuali, con Lucy del regista francese Luc Besson. Musa di Woody Allen in Match Point, l’attrice ha recentemente prestato la sua voce a Kaa, il pitone de Il libro della giungla di Jon Favreau e presto sarà la nuova eroina nell’adattamento live action del manga giapponese Ghost in the Shell (2017) diretto da Rupert Sanders. L’ultimo progetto invece si chiama Rock the Body, in cui Scarlett farà la stripper diretta da una donna, Lucia Aniello: un club al femminile vietato ai minori.  

Così, nell’Olimpo di uomini in cui il più giovane è Robert Downey Jr., 51 anni, brilla la giovane Scarlett. La seconda donna classificata è Cameron Diaz, ma solo al diciannovesimo posto. E in un’intervista a Cosmopolitan Johansson parla della “rivoltante” differenza di salari tra attori e attrici di Hollywood: «Io sono molto fortunata, faccio una bella vita e sono orgogliosa di essere un’attrice che lavora quanto i miei colleghi uomini…Penso che ogni donna sia stata sottopagata ma, a meno che non si discuta del problema generale, odio parlare della mia esperienza personale a riguardo. Ha invece a che fare con un dialogo più generale sul femminismo»

Nessun Articolo da visualizzare